La Masterclass di foto e videogiornalismo organizzata da The Newsroom Academy si avvicina. Il vincitore World Press Photo 2021 Antonio Faccilongo e la redazione di InsideOver sono pronti ad inaugurare un corso unico nel suo genere che, nell’arco di 90 ore di formazione (qui il programma completo), fornirà ai partecipanti tutti gli strumenti necessari per realizzare un reportage fotografico e video.

Tanti gli ospiti che accompagneranno gli studenti durante le lezioni, che condivideranno con loro gli strumenti del mestiere e che li aiuteranno ad elaborare una strategia individuale per rendere la passione per la fotografia una professione.

Tra questi troviamo Daria Scolamacchia, photo editor e visual consultant. Scolamacchia è coordinatrice del dipartimento di Fotografia dello IED (Istituto europeo di Design) di Roma, dove insegna Metodologia della progettazione e Fenomenologia delle arti contemporanee. L’abbiamo intervistata per avere una piccola anticipazione della Masterclass.

Qual è l’importanza della Masterclass di The Newsroom Academy di InsideOver?

Questa Masterclass mette insieme lezioni frontali con esperienze più laboratoriali, e cerca di dare un senso a cosa si può fare con l’immagine attraverso le fotografie e il video. Essendo sostenuta da InsideOver, c’è anche la presenza di un committente reale, che non è sempre facile individuare, soprattutto all’inizio di un percorso. Avere a che fare con un professionista come Antonio Faccilongo, che si muove all’interno di una redazione, può fornire agli iscritti una esperienza diretta di come può essere costruita una storia, soprattutto per un possibile committente. Per i più meritevoli, inoltre, c’è l’opportunità di un avere output attraverso la pubblicazione di un reportage. Per tutti, vedere come una storia può prendere una forma editoriale. 

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO E TUTTI GLI OSPITI DELLA MASTERCLASS

Perché hai scelto di partecipare come ospite al corso di InsideOver?

Insegno da tanti anni e mi piace seguire degli studenti nella ideazione e nella definizione concreta di una narrazione visiva. Parte del mio lavoro riguarda proprio la possibilità di seguire giovani e meno giovani nella realizzazione del loro lavoro, nell’individuazione di un tema da trasformare a livello fotografico e visivo. 

Perché a tuo avviso in Italia ci sono pochi corsi del genere?

L’insegnamento della fotografia si è espanso molto in anni recenti. Un tempo era più difficile formarsi, perché non c’erano tante realtà fotografiche. 

Cosa ti ha colpito di questa Masterclass? E perché è unica nel suo genere?

La particolarità di questo corso è che è stato definito da un fotoreporter pluripremiato che ha deciso di costruirlo insieme ad una realtà editoriale che ha voluto appoggiarlo. In questo senso è un corso particolare. The Newsroom Academy ha individuato ospiti che vengono da storie ed esperienze diverse. La varietà delle persone coinvolte può rappresentare un punto di forza di questa Masterclass. È fondamentale per chi vuole lavorare con video e foto conoscere punti di vista diversi, in modo da cercare di definirne uno proprio. La realtà è complessa e variegata. Un unico punto di vista rischia di appiattirla.

Puoi spiegarci meglio?

Trovo audace la scelta per una realtà editoriale come InsideOver di voler appoggiare un corso del genere, perché significa che ci sono persone e soggetti che ancora credono nell’importanza dell’immagine per il racconto di ciò che accade.

Daria Scolamacchia (Foto di Antonio Cama)

Come ci si prepara per realizzare un video/foto reportage? Quali sono le caratteristiche più importanti?

Sicuramente l’impegno e la dedizione sono tratti fondamentali per un reporter. Il fotoreporter deve inoltre essere mosso da grande curiosità. Deve studiare, leggere, viaggiare, entrare in contatto con realtà diverse. Scavare e approfondire, senza fermarsi ad una lettura superficiale delle cose. Cercare delle storie.

DIVENTA FOTOREPORTER CON NOI: ENTRA NELLA NOSTRA MASTERCLASS

Che consiglio ti sentiresti di dare per chi si approccia a questo mestiere?

Una cosa molto utile potrebbe essere leggere le cronache locali. È chiaro che ciascuno deve essere mosso dalla propria sensibilità. Ma anche occuparsi di ciò che gli accade intorno può essere un modo per iniziare. L’unico consiglio che mi sento di dare: studiare, approfondire, leggere.

Qual è la parte più difficile dell’editing?

Avere l’intelligenza di saper rinunciare a qualcosa. L’editing ha a che fare con la scelta e con la selezione. È un lavoro di scrittura. Più si asciuga e si va al cuore delle cose e più un racconto per immagini, una narrazione visiva, diventa efficace e viva. Per un fotografo la parte più complicata consiste nel togliere e selezionare.

Avrai capito che la masterclass in foto e video giornalismo della Newsroom Academy non è il solito corso di fotografia. Ma se hai ancora dubbi o domande, scriviuna mail all’indirizzo academy@ilgiornale-web.it o chiama il numero 028566445

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.