Bruxelles, capitale del Belgio e cuore pulsante dell’Unione Europea, dovrebbe essere tra i luoghi più sorvegliati e sicuri del continente, nonché tra i più coesi socialmente e prosperi economicamente, ma così non è. Perché in questa realtà di un milione e duecentomila abitanti, composta dall’unione di diciannove comuni, gli indici di criminalità, disoccupazione e povertà variano a seconda del codice postale, dando luogo a delle enormi disparità socioeconomiche che si riflettono nella quotidianità degli abitanti, nella sezione cronaca dei giornali.

La regione di Bruxelles Capitale è la congiunzione di due mondi uniti ma separati, comunicanti ma non dialoganti, per i quali ogni occasione di incontro è causa di scontro. Scontro come gennaio 2022, quando gli abitanti delle periferie hanno invaso il quartiere europeo e utilizzato le (quasi inesistenti) restrizioni antipandemiche come pretesto per mettere a ferro e fuoco “la Bruxelles bene” – bilancio: 15 feriti e 230 arresti. O scontro come gennaio 2021, quando le minoranze hanno protestato contro la brutalità poliziesca – bilancio: 5 feriti, 116 arresti, vettura di re Filippo in fuga.

Bruxelles è la metropoli delle contraddizioni, dove è possibile che esistano comuni come Ixelles ed Etterbeek, a disoccupazione prossima allo zero e stipendi negoziabili al rialzo, e comuni come Molenbeek, dove un abitante su tre è fisiologicamente disoccupato, e dove esistano quartieri come il distretto europeo, dotati di telesorveglianza 24/7 e vigilanza privata, e la zona della stazione nord, dove “lo spaccio di droga, il senzatettismo, le molestie alle donne, la prostituzione e il crimine in generale hanno raggiunto dei livelli tali che le forze dell’ordine faticano a gestire”.



Quartieri fuori controllo

A Bruxelles è un segreto di Pulcinella: alla stazione nord non ci si reca per prendere un treno, ma soltanto per acquistare stupefacenti, commettere qualche crimine o spendere del denaro nell’affollato marciapiede a luci rosse. E chi vi si reca per altri motivi, nulla aventi a che fare con quelli sopraesposti, va incontro a una varietà di pericoli: molestie, aggressioni, rapine.

La situazione nella zona della stazione nord, che costituisce il centro del paragrafo turco-marocchino di Schaerbeek e giace a ridosso dei lunghi viali dello shopping del centro storico, ha superato da tempo la soglia della “sostenibilità”: troppi crimini, immigrati problematici, poliziotti assenti, autoctoni in fuga, aziende straniere, come la BNP Paribas, costrette ad assumere guardie private per proteggere il personale. L’unico modo per ripristinare l’ordine e la legalità? L’intervento del governo centrale, ad oggi latitante, e l’applicazioni di leggi severe ed espulsioni. Dichiarazioni forti, che qualcuno taccerebbe di populismo, e provenienti non da un deputato del Vlaams Belang ma dalla tutrice di Schaerbeek, la sindaca progressista Cécile Jodogne.



I numeri danno a ragione a Jodogne: la zona della stazione nord è sovrarappresentata nelle statistiche sulla criminalità relative alla regione di Bruxelles Capitale, contribuendo a renderla “una anomalia, a causa di sparatorie e accoltellamenti alla luce del giorno, in un Paese che altrimenti registra dei bassi tassi di criminalità”.

La (pessima) fama di questo quartiere, che è il motivo per cui gli omicidi nella capitale belga sono in aumento da un decennio – il picco nel 2018: 194 –, è tale da aver traversato l’Atlantico e raggiunto gli Stati Uniti, il cui portale sui viaggi in sicurezza all’estero – US Overseas Security Advisory Council – da anni mette in guardia i cittadini dai rischi che corrono recandosi a Bruxelles:

  • Luogo ad alto rischio per il terrorismo;
  • Luogo a medio rischio per la criminalità;
  • Luogo a medio rischio per la violenza politica e i disordini civili;
  • Noto luogo di transito per il traffico di droga;
  • Metropoli con una serie di quartieri, come la zona della stazione nord, dove sono frequenti i picchettamenti, i furti e gli scippi.

Crimini in aumento

Complice la presenza capillare di sterminati quartieri-dormitorio (in espansione) ai bordi dei centri storici delle principali metropoli, da Bruxelles ad Anversa, il Belgio va vertiginosamente scalando la gerarchia della criminalità e dell’insicurezza dell’Unione Europea. Una situazione di cui può cogliere la profondità soltanto facendo ricorso ai numeri:

Dalla presenza di aree ad accesso vietato al radicamento del crimine organizzato transnazionale, passando per l’emergenza stupri, Bruxelles è la prova di come, a volte, dietro il luccicore delle vetrine, in questo caso rappresentate dalle sedi avveniristiche e accattivanti delle principali istituzioni dell’Unione Europea, si nascondano segreti indicibili e traffici illeciti dalle dimensioni solo lontanamente immaginabili.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.