Nel silenzio generale la Cina sta cambiando e presto potremo averne la conferma. Il Dragone è pronto a mutare pelle senza snaturarsi, ad affrontare le sfide odierne con nuovi meccanismi economici e finanziari, a premere il tasto magico delle riforme. Nella recente storia cinese è successo spesso che il governo, una volta accortosi di indossare abiti diventati ormai troppo stretti, abbia cambiato veste per restare al passo con i tempi. Adesso è arrivato il momento di prendere dall’armadio un nuovo indumento, più snello, leggero e adatto alla temperatura dell’attuale stagione geopolitica.

Tra apertura e globalizzazione

Il premier cinese Li Keqiang, presente a Dalian per la cerimonia di apertura del Forum estivo di Davos, ha dichiarato che la Cina diventerà un Paese ancora più aperto e trasparente per gli investimenti esteri e ha promesso che il suo ambiente commerciale migliorerà ulteriormente. “La Cina – ha spiegato Li, come riportato da Agenzia Nova – promuoverà l’apertura su tutti i fronti. Inoltre sosterrà gli investimenti stranieri in industrie manifatturiere avanzate come l’elettronica, la produzione di attrezzature, la medicina e nuovi materiali, sia nelle regioni centrali e occidentali”. Le novità non sono ancora finite, perché il premier ha poi sottolineato come Pechino rimuoverà i limiti sulla proprietà straniera di intermediari e concessionari a termine con un anno di anticipo rispetto a quanto stabilito in precedenza.

A difesa del multilateralismo

Proprio come Xi Jinping, anche Li Keqiang ha utilizzato la parola chiave che più di ogni altra è utile per descrivere la strategia globale della Cina odierna: il multilateralismo. Il Dragone intende salvaguardare il multilateralismo e il libero commercio, puntando a mantenere un sistema economico mondiale aperto e inclusivo. Nei piani della Cina, la pluralità di interessi deve prevalere su tutto il resto ed è impensabile che possa esserci una sola potenza (Stati Uniti) in grado di dettare l’agenda agli altri Paesi. Pechino ha capito che questo è il momento opportuno per cavalcare la globalizzazione e piantare su di essa la bandiera rossa.

I cataloghi della svolta

Un altro segnale a conferma di questa tesi arriva dalla Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma (Ndrc) e dal Ministero del Commercio cinesi. Insieme hanno pubblicato due cataloghi: uno per incoraggiare gli investimenti esteri di settore a livello nazionale, l’altro per riunire in una lista le industrie delle regioni centrali, occidentali e del nord-est del Paese – cioè le zone dove l’economia ha faticato e fatica a prendere il volo – che saranno presto soggette a criteri agevolati di investimento estero. L’obiettivo è dare slancio allo sviluppo industriale del Paese, senza dimenticare i progressi tecnologici e strutturali. Pechino ha incoraggiato gli investimenti esteri in settori particolari, tra cui quelli riguardanti la produzione di alta gamma, l’intelligenza artificiale e la produzione verde. Nel 2018 la Cina aveva attirato investimenti stranieri pari a 138,3 miliardi di dollari; quest’anno, calcolando solo i primi cinque mesi, il Dragone ne ha già accolti 54,6, registrando un +3,7% alla voce di crescita su base annua. Senza considerare gli effetti dei due cataloghi pubblicati.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.