Lo stato di quarantena che vige nel nostro Paese per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus, e che è stato allargato a livello nazionale nella giornata di lunedì, non fermerà la produzione dei componenti per i nuovi caccia di quinta generazione F-35 Joint Strike Fighter che vengono sviluppati nelle fabbriche del nord Italia. A dichiararlo è stata ieri la stessa Lockheed Martin, azienda produttrice del “chiacchierato” caccia americano, destinato a diventare la punta di diamante di buona parte delle aeronautiche della Nato e del “blocco” occidentale.

L’epidemia (presto forse pandemia “ufficiale”) da Covid-19, ha innescato misure e contromisure di emergenza in tutti i continenti – sopratutto in Italia che ad oggi, è il secondo paese nel mondo ad aver registrato più contagi (10.149, aggiornamento odierno ore 12.00, Gmt+1) dopo la Cina: focolaio dove si è incubato e trasmesso il virus. Nonostante questo, il Pentagono, che sta monitorando i potenziali impatti sulle sue catene di montaggio e di approvvigionamento dell’industria della Difesa – specialmente quella dell’F-35 “che si basa su una rete globale di fornitori di componenti” – ha assicurato e reso noto che le due strutture industriali italiane di Cameri, provincia di Novara in Piemonte, non si fermeranno, continuando a produrre i loro componenti. Una notizia diametralmente differente da quella che è giunta nei giorni scorsi dal Giappone, che invece ha sospeso la catena di montaggio nelle strutture della Mitsubishi Heavy Industries.

Come riportato da DefenseNews , il vice segretario alla Difesa David Norquist ha dichiarato ieri all’attenzione del Congresso degli Stati Uniti che: “Finora, ci sono state poche interruzioni finora, ma se questa cosa continua e si espande, allora potremmo potenzialmente vedere alcuni problemi”. Contestualmente al sottosegretario alla Difesa per l’acquisizione e il sostegno di Ellen Lord è stato affidato il compito di monitorare e valutare “potenziali problemi” che potrebbero influire sul rapporto industria-difesa. “Fortunatamente non dipendiamo molto da ciò che “esce” dalla Cina a causa del modo in cui è strutturato il Dipartimento della Difesa, ma siamo preoccupati quando si diffonderà ad altri paesi, alleati e partner, e quali sarebbero gli effetti della tecnologia e delle interruzioni della produzione essere ”, ha affermato Norquist. “Ad esempio, esiste una struttura F-35 in Europa, quindi la domanda è:” Questi programmi di produzione restano puntuali?”. Evidentemente in Italia sì, poiché le strutture Leonardo di Cameri, come si evince, non si sono fermate di fronte al Coronavirus, e non lo faranno fino a nuovo ordine. Le limitazioni contenute nel decreto straordinario firmato dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte non riguardano infatti il lavoro – anche se le province focolaio stanno in queste ore reclamando la necessità di un’ulteriore stretta per arginare la possibilità di contagio.

Cameri è un nodo chiave della catena di montaggio dei caccia stealth F-35 – una catena integrata a livello globale – dove si assemblano componenti importati quali attuatori posteriori, componenti alari, componenti radio, di illuminazione, pannelli della cabina di pilotaggio e componenti per guerra elettronica che sono destinati agli F-35 in tutto il mondo. “I dipendenti di Lockheed Martin continuano a riferire di lavorare in Italia. Tuttavia, per un’abbondanza di cautela e in coordinamento con i funzionari sanitari locali, ogni dipendente con potenziale esposizione al coronavirus è incaricato di lavorare in remoto e auto-quarantena. La salute e il benessere dei nostri dipendenti e partner è la nostra massima priorità”, ha dichiarato il portavoce di Lockheed Martin, Brett Ashworth. Anche per produrre caccia di ultima generazione, quindi, sono state applicati i moderni approcci di “smart working“, consentendo ai tecnici di svolgere parte del lavoro da casa. Come chi sta scrivendo questo semplice articolo.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.