È una strategia ben precisa quella portata avanti dall’Iran nello Stretto di Hormuz, e con un obiettivo ben preciso. Chi pensa che Teheran stia giocando con il fuoco, probabilmente non sa che il governo iraniano ha effettuato un adeguato calcolo tra rischi e benefici di un simile azzardo. Le azioni di disturbo, i sequestri, l’abbattimento di droni e via dicendo, rientrano in un piano che ha un duplice scopo: far salire il prezzo del petrolio e allo stesso tempo dimostrare agli Stati Uniti che le sanzioni sul greggio iraniano sono del tutto inutili.

La partita fra Teheran e Washington

L’Iran sa bene di non poter giocare ad armi pari con Washington, che oltre ad avere apparati militari superiori rispetto a quelli su cui possono contare i Pasdaran può affidarsi ai vari alleati locali, Arabia Saudita in primis. L’Iran è anche a conoscenza del fatto che l’unico modo per continuare a incassare denaro è vendere petrolio a mezzo mondo; per farlo è necessario che lo Stretto di Hormuz rimanga attivo e operante, ma soprattutto che il prezzo del greggio non scenda troppo in basso. Questo è accaduto più volte in passato, e Teheran ha accusato americani e arabi di aver condotto sabotaggi commerciali a danno degli interessi iraniani. In ogni caso, la strategia dell’Iran nel Golfo Persico non è tanto militare, quanto economica e, solo in parte, politica.

Assicurazioni e petrolio

Le azioni di Teheran fanno salire la tensione ma non superano mai la linea rossa; farlo, per Teheran, equivarrebbe a firmare una vera e propria condanna a morte, perché gli Stati Uniti, in quel caso, sarebbero pronti a reagire duramente. Meglio, dunque, limitarsi ad effettuare azioni di disturbo. Secondo alcuni analisti, ogni qualvolta l’Iran crea problemi nello Stretto di Hormuz, per esempio con le mine o spaventando le petroliere, i prezzi delle assicurazioni salgono e con esse anche il prezzo di ogni barile di petrolio. Questo legame è decisivo per capire come il governo iraniano abbia estrema necessità di vendere l’oro nero, e intende farlo spuntando il prezzo più alto possibile. Bloomberg ha sottolineato come i premi di rischio delle assicurazioni per quest’area geografica siano schizzati a 500 mila dollari; all’inizio dell’anno la cifra si attestava intorno ai 50 mila. Per quanto riguarda l’aumento del prezzo del petrolio, fin qui è aumentato appena di circa 25 centesimi al barile ma potrebbe presto salire ulteriormente.

Stati Uniti sotto pressione

L’Iran, così facendo, mette sotto pressione gli Stati Uniti, e lo fa anche se gli americani non sono più dipendenti del petrolio del Medio Oriente (e di conseguenza dello Stretto di Hormuz). Teheran spera che l’eventuale aumento del petrolio faccia incupire europei e asiatici, i nuovi, assidui, frequentatori del Golfo Persico. Saranno loro, eventualmente, a sorbirsi ogni aumento. E chissà che qualche paese non inizi a ribellarsi contro la politica di Donald Trump. Quella dell’Iran è una strategia semplice quanto efficace, almeno sulla carta.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.