Diventa fotografo professionista con noi
Iscriviti alla masterclass

Lo avevamo di recente anticipato su Inside Over: la Germania è in sofferenza sotto il profilo economico, schiacciata tra i timori della congiuntura globale (“Hard Brexit” di Boris Johnson e dazi) e l’incapacità di abdicare al modello mercantilista ed austeritario con cui Berlino si è vincolata a dipendere dal suo ipertrofico surplus commerciale e sulla svalutazione interna di lavoro e salari.

Il governo di Angela Merkel ha avuto, da tempo, sentore del mutato clima globale. La crescita zero di fine 2018 ha evitato la recessione ma è stata dovuta, principalmente, all’aumento del costo delle bollette energetiche e non a una reale ripresa della domanda interna, stagnante; il governo ha messo in atto un moderato aumento delle pensioni minime per venire incontro a una situazione di crescente disagio e impoverimento delle fasce vulnerabili della popolazione; si è addirittura parlato di un piano di investimenti pubblici mai messo in atto. Infine, il ministro dell’Economia Peter Altmaier, a luglio, è stato a Washington per chiarire con l’amministrazione Trump i principali punti di dissidio tra Germania e Stati Uniti e risolvere la crisi dei dazi. Nessun intervento sistemico, però, è subentrato.

E la logica conseguenza è stato un indebolimento delle prospettive economiche della Germania, certificato da un recente dato sulla produzione industriale: la produzione industriale tedesca è scesa più del previsto in giugno a -1,5% rispetto al mese precedente (contro un consensus di -0,4/-0,5) e con il calo anno su anno (-5,2%) che è il peggiore degli ultimi dieci anni. Un calo dovuto principalmente alla riduzione degli ordinativi nel settore auto e al rischio legato alle tensioni commerciali, potenziale fonte di crisi per l’export tedesco. Come scrive Il Sole 24 Ore, “la Germania sta lanciando segnali peggiori del previsto, e con qualche crepa che inizia a vedersi anche nel mercato del lavoro (mille disoccupati in più in luglio, il secondo aumento in tre mesi anche se micro rispetto alla disoccupazione al minimo storico del 5%), finora tonico, in un momento di esasperazione della guerra commerciale tra Usa e Cina”.

Il Pil per il secondo e terzo trimestre è dato in discesa dello 0,2%, fatto che spingerebbe Berlino nella recessione tecnica. L’indice di fiducia del settore manifatturiero rilevato dal governo che era pari a 67 punti su 100 nel dicembre 2017, è sceso a luglio da 45 a 43 punti. La discesa sotto quota 50 significa aspettative decrescenti e previsioni di contrazione economica. E la base politica su cui Berlino si muove in campo economico rischia di creare un effetto contagio su scala europea. L’accentramento dell’export sulla Germania e la presenza della catena del valore tedesca dall’Italia alla Polonia potrebbe compromettere qualsiasi sforzo per la crescita nel Vecchio Continente. L’Europa ristagna e, una volta di più, Berlino non torna a spendere per la crescita. Anzi, ragiona addirittura di nuovi surplus di bilancio e di una progressiva uscita dal mercato del titolo sovrano (Bund)Mala tempora currunt. Neanche la caduta in recessione risveglierà i tedeschi dal loro sonno della ragione negli affari economici?

Sul piano politico interno, non appaiono all’orizzonte disegni strategici di ampio respiro. La Cdu della Merkel oscilla tra tenuta centrista e apertura a destra per frenare l’emorragia di consensi, i socialdemocratici a picco alle urne sono privi della visione per una linea anti-austerità e, anzi, ragionano unicamente in termini di utilità sulla permanenza al governo. Chiedere un’agenda economica chiara ai Verdi è semplicemente ipotesi immaginifica, mentre a destra Liberali e Afd sono graniticamente schierati sulla trincea del rigore sui conti. La sinistra della Linke chiede una forte discontinuità, ma è troppo lacerata al suo interno e minoritaria per proporre piani unitari. A livello internazionale, l’elezione alla Commissione europea di Ursula von der Leyen certifica il mantenimento della linea tedesca ai vertici dell’Unione. Nei prossimi anni, a far pagare il conto potrebbe essere la dura realtà quotidiana dell’economia e dell’industria tedesca ed europea.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.