Secondo quanto riferito da Piotr Stryszowski dell’Ocse e riportato dal quotidiano greco Kathimerini, Atene si conferma principale hub di contrabbando dell’Europa, fondamentale per l’introduzione all’interno del mercato europeo di prodotti contraffatti. E questa volta, ad esserne colpito, non è soltanto l’aeroporto della città ma la totalità del sistema di controllo doganale del Paese.

Dopo essere stata identificata come il principale punto di smistamento del contrabbando di sigarette all’interno dell’Ue – in particolar modo provenienti dall’Armenia – la capitale della Grecia adesso evidenzia ulteriori problematiche a livello di controlli, che rischiano di danneggiare il mercato europeo. Una volta entrate nel Paese, le merci vengono infatti più facilmente distribuite via terra verso il resto della Comunità. sfruttando i minori controlli dei tracciati terrestri, per essere quindi consegnati ai rivenditori locali. E in questo modo, il mercato parallelo europeo ha modo di approvvigionarsi, contribuendo all’evasione fiscale ed ai danni d’immagine delle aziende.

Al centro delle ultime indagini ci sarebbe soprattutto il mercato dei cosmetici e dell’abbigliamento, cui prezzi elevati hanno spesso invogliato la pratica della contraffazione, creando danni al settore per oltre 7 miliardi di euro annui a livello europeo. Stando ai dati riportati dall’agenzia greca, se a ciò si sommano i danni degli altri settori interessati dal contrabbando si arriva ad una perdita lorda di 56 miliardi di euro a livello annuale – che, tanto per intenderci, è di poco superiore all’indebitamento con l’Fmi che dall’altra parte della Terra sta per rivoltare nuovamente l’Argentina.

Com’è possibile però che la Grecia, membro dell’Unione europea ed aderente al sistema monetario unico, abbia delle così gravi lacune in materia di controlli al contrabbando? La risposta è da ricercarsi nella dura crisi che ha colpito il Paese, portando ad una stagione di austerity che ha ridotto le spese dell’apparato statale di Atene: comprese quelle per le forze dell’ordine e per i controlli doganali. Con un sistema ormai vetusto e con la carenza del personale si è infine giunti alla situazione attuale, con il danno che viene subito principalmente dagli alleati europei (in quanto la Grecia, da questo fenomeno, perde “solamente” 1,3 miliardi di euro dei 56 globali).

Nonostante la situazione sia già conosciuta da anni, il precedente governo della Grecia guidato da Alexis Tsipras e l’attuale di Kiriakos Mitsotakis non si sono mossi adeguatamente per contrastare il fenomeno, alle prese con il difficile bilancio del Paese ellenico. Tuttavia, il grado di pericolo per la stabilità dell’intero comparto europeo avrebbe dovuto preoccupare maggiormente gli alti vertici di Atene ed avrebbe dovuto spingere l’Europa ad impegnarsi in prima battuta al contrasto del fenomeno: condizione questa che, però, non è avvenuta, finendo con l’alimentare la pratica che sta tediando la sopravvivenza di molte filiere produttive dell’Europa e le entrate erariali dei Paese.

Ancora una volta Atene si è dunque ritrovata nell’occhio del ciclone dell’Europa e si è rivelata essere un pericolo non solo per la stabilità dei mercati finanziari ma anche per la controparte reale. Senza però l’attuazione di forti misure volte alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno, la situazione non è però destinata a migliorare, anche a causa dell’estrema capillarità e della forza acquisita dalla filiera del contrabbando nel Paese. Lo stesso impoverimento della popolazione ha contribuito ad accrescere il numero di coloro che, per vivere, si sono affacciati su questa pratica, alimentandone esponenzialmente lo sviluppo e rendendolo una delle peggiori piaghe post-ristrutturazione che deve affrontare l’esecutivo ellenico.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.