Non sono buone notizie quelle che arrivano dall’economia della Grecia, che dopo essersi risollevata parzialmente dagli oscuri anni del passato rischia di cadere nuovamente in una spirale discendente. A preoccupare, questa volta, non sono però i conti pubblici di Atene – almeno per questo momento – bensì le solide fondamenta dell’economia della Grecia: il turismo ed il settore del tessile, che dalla contrazione della domanda del 2020 hanno registrato già perdite da capogiro.

Che cosa rischia la Grecia?

Dopo aver sacrificato gli ultimi anni alle volontà del Fondo monetario internazionale nell’ottica di ristrutturazione del debito pubblico, la Grecia aveva finalmente la possibilità di attuare una manovra espansiva in grado di dare fiato alla sua già vessata economia. La comparsa però a livello mondiale della minaccia Covid-19 ha subito distrutto questa speranza, costringendo il governo di Kiriakos Mitsotakis a mettersi sulla difensiva e salvaguardare la salute della popolazione della Grecia. E mentre la chiusura dei confini ha annullato la quasi totalità degli introiti del settore turistico per molti mesi ancora a venire, la contrazione della domanda dei beni di consumo ha messo in crisi il settore tessile del Paese.

L’indecisione legata alla durata effettiva delle misure di serrata è un’incognita che rischia di costare cara all’economia della Grecia. mentre da un lato infatti senza isolamento affrontare l’epidemia sarebbe allo stato attuale impossibile, dall’altro un prolungarsi del fermo rischia di avere effetti irreversibili, soprattutto in una realtà come la Grecia dove l’accumulazione privata è stata sostanzialmente azzerata da anni di instabilità finanziaria. E in questo scenario, a pagarne le spese rischiano di essere proprio quelle industrie che avrebbero dovuto segnare la rinascita del Paese dopo l’esperienza sotto l’amministrazione finanziare del Fondo monetario internazionale.

La Grecia è di nuovo in pericolo?

Mentre nello scorso decennio la crisi della Grecia nacque sostanzialmente a causa dell’eccessivo indebitamento pubblico contratto dal Paese, il rischio questa volta è che sia l’apparato privato a cedere il passo. Non in grado di far fronte alle difficoltà a causa dello stress al quale è stato sottoposto negli ultimi anni, un cedimento del comparto produttivo si ripercuoterebbe però ancora una volta sul debito greco, soprattutto nella misura in cui portasse ad una drastica contrazione del prodotto interno lordo del Paese. E in questo scenario, Atene rischierebbe di cadere per l’ennesima volta in una spirale negativa che si potrebbe concludere ancora una volta con una sfiducia degli investitori internazionali, riportando la situazione a quella di dieci anni fa.

Perdere ancora la Grecia è un rischio per Bruxelles

Se la Grecia si dimostrasse ancora una volta non in grado di far fronte ai propri impegni internazionali in ambito finanziario, l’Europa sarebbe messa di fronte ad un suo ennesimo e fragoroso fallimento. Dopo aver obbligato il paese a far fronte – in quasi solitaria – all’impegno dell’accoglienza e dopo aver vessato l’economia con un gravoso piano di rientro dall’indebitamento, Bruxelles si troverebbe nella situazione di non poter nemmeno agire con un nuovo piano di salvataggio a causa dell’attuale rating di Atene. E anche nella misura in cui qualche regolamento europeo venisse infranto, la possibilità che la Grecia si riprenda nel breve periodo è tutt’altro che scontata.

Il settore turistico – nel quale operano soprattutto piccoli-medi imprenditori – rischia di essere spazzato via a seguito di anche solo un anno solare di fermo operativo; mentre il settore tessile patirebbe la migrazione della domanda verso Paesi dagli approvvigionamenti più solidi. E pensare che un intervento esterno possa raddrizzare la situazione in pochi mesi è del tutto utopico.

Perdere Atene significa però anche mettere in evidenza come l’Europa non sia in grado di tutelare i membri della comunità, mostrando al Mondo intero le debolezze di un sistema mai uniformato sino in fondo. In questo scenario, la sfiducia degli investitori si ripercuoterebbe di conseguenza verso tutto il mercato europeo, che esattamente come nel 2008 rischia di subire una seconda ondata della crisi derivante dall’incapacità di ripartire in tempi brevi dalla recessione. E questa importante differenza rispetto ai competitors internazionali – già dimostratasi tendine di Achille dell’Europa – rischia di essere proprio la base delle fatiche economiche future del Vecchio continente.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.