La Turchia sta lavorando con dedizione affinché l’Anatolia e l’Asia centrale diventino un tutt’uno altamente integrato e dialogante, entrando a far parte di una realtà geopolitica e infrastrutturale iper-coesa e nota al volgo come il “corridoio panturco“. L’obiettivo è quello di creare una rete transnazionale, estesa dall’Anatolia al Turkestan, via Azerbaigian, investita della funzione pivotale di cerniera tra l’Europa e l’Asia.

Forte dell’alleanza adamantina con l’Azerbaigian, la porta d’accesso agli –stan, la Turchia ha potuto investire nella realizzazione di rotte marittime, ferroviarie e autostradali che, lungi dall’esaurirsi all’ampliamento esclusivo dell’interscambio fra le due nazioni, si prestano ad una molteplicità di utilizzi ed obiettivi, tra i  quali l’agganciamento dell’Anatolia al Caspio, il miglioramento del quadro di interconnettività del corridoio Nord-Sud e il divenire indispensabile della Sublime Porta negli ambiti dei progetti di integrazione transcontinentale portati avanti da Russia (Unione Economica Eurasiatica) e Cina (Nuova Via della Seta).

Il corridoio panturco è la chiave di volta che potrebbe permettere alla Turchia di introdursi con forza e fragore nell’Asia inoltrata, incuneandosi destramente nei disegni egemonici di Russia e Cina e, di conseguenza, potendo persino sabotarli dall’interno. E tra le opere costruite e/o co-costruite da Ankara nel quadro della materializzazione del suddetto corridoio, di cui avevamo pronosticato l’espansione esattamente un anno fa, risultano e risaltano le tratte ferroviarie Baku-Tbilisi-Kars e Ankara-Baku-Mosca e la linea marittima Turchia-Caspio.

La linea Turchia-Caspio

Nel mondo turcico è tutto pronto per il lancio della linea marittima commerciale Turchia-Caspio, un’iniziativa targata P&O Maritime Logistics e DP World Yarımca che, una volta inaugurata, creerà una connessione diretta tra l’Anatolia e l’Asia centrale. L’evento ha dello storico ed è indicativo dell’influenza ascendentale di Ankara nella realtà economica dell’Eurasia: per la prima volta, potendo fruire della fondamentale disponibilità del Caucaso russo, i mercati anatolico e centroasiatico verranno collegati direttamente da un flusso regolare e costante di carghi e container.

La rotta mare-terra-mare è stata collaudata con successo a fine aprile, quando ha avuto luogo un viaggio pilota dal mar di Marmara al mar Caspio, effettuato per testare l’efficacia dei sistemi di navigazione fluviale del Caucaso russo. L’esperimento è riuscito: le merci, partite da Istanbul, hanno raggiunto i porti di Aktau (Kazakistan) e Turkmenbashi (Turkmenistan) nel rispetto dei tempi di percorrenza preventivati. Preso atto della fattibilità della tratta, nella giornata del 19 maggio, P&O Maritime Logistics e DP World Yarımca ne hanno preannunciato il lancio attraverso dei comunicati ufficiali.

Le implicazioni

La linea Turchia-Caspio avrà un profondo impatto sia in termini ambientali sia in termini commerciali. Rispetto alle tradizionali rotte terrestri, in via di saturazione nel sempre più florido e trafficato mercato transcaspico, la Turchia-Caspio permetterà una riduzione delle emissioni inquinanti pari al 17%. Numeri che parlano del lato ecologico di questa rotta innovativa e che verranno sicuramente pubblicizzati da parte di Ankara nella speranza-aspettativa di promuoverla a livello internazionale.

Le implicazioni non saranno meno rilevanti dal punto di vista commerciale: garantendo una riduzione dei costi di trasporto rispetto alle tradizionali rotte terrestri Anatolia-Asia centrale del 10-20%, nonché delle tempistiche di consegna più brevi in confronto alle soluzioni su rotaia – un risparmio medio del 15% –, la Turchia-Caspio potrebbe generare quella forza propulsiva necessaria ad amalgamare i mercati delle due sponde del mondo turcico.

Ad ogni modo, se e quanto successo riscuoterà la tratta sarà possibile comprenderlo soltanto nei prossimi anni, probabilmente a partire dal 2022 – perché quest’anno continuerà ad essere condizionato dal fattore pandemia –, tenendo a mente quello che è stato il valore dell’interscambio commerciale complessivo tra Turchia, Russia e Asia centrale nel 2020: 31 miliardi e 200 milioni di dollari.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.