L’ombra della penuria di gas si allunga sull’Europa intera, Italia compresa. Le ultime vicende lasciano presagire un futuro incerto e carico di ulteriori tensioni. Non bastasse il misterioso sabotaggio dei gasdotti Nord Stream, con le accuse reciproche rimbalzate tra Stati Uniti/Unione europea e Russia, e le inevitabili conseguenze a cascata su tutto il mercato energetico europeo, ecco che tornano ad affiorare le mai risolte spaccature tra i membri Ue.

È lontano, infatti, l’accordo sul price cap, ovvero sul tetto da imporre al prezzo del gas. Da una parte troviamo la Germania, contraria a questa soluzione, dall’altra 15 Paesi, tra cui l’Italia, che l’hanno invece caldeggiata e sostenuta in una lettera inviata a Bruxelles. Ma non è finita qui, perché nel documento informale presentato dalla Commissione europea è ben evidente una seconda divergenza: quella tra i sostenitori del price cap al prezzo del gas, inteso come all’intero import della preziosa risorsa, e i fautori di una misura meno radicale, che vorrebbero invece applicare il price cap solo al gas di provenienza russa.

In uno scenario del genere, la stessa Commissione ha messo sul tavolo due proposte. La prima: lanciare un nuovo indicatore del mercato del gas da affiancare al Tdt di Amsterdam, e dedicato al Gnl – ovvero al gas naturale liquefatto – per slegare quest’ultima fornitura dai rincari del gas dovuti ad eventuali manipolazioni di Gazprom. La seconda: imporre un tetto al prezzo del gas usato per generare elettricità.

Questo ipotetico sistema comporterebbe un prezzo amministrativo ottenuto attraverso un intervento pubblico che andrebbe a pesare sui bilanci dei singoli stati membri. Più nello specifico, il sistema elettrico nazionale di ciascun Paese si farebbe carico di pagare la differenza tra il prezzo di mercato del gas e quello figlio del price cap. Il punto è che, lasciando ai singoli governi la possibilità di calmierare i prezzi, si creerebbe una spaccatura tra quei Paesi che possono effettivamente intervenire in maniera massiccia, perché dotati di un ingente spazio fiscale, e quelli che, al contrario, hanno le mani legate.

Il gas divide l’Europa

La Germania, intanto, ha attivato uno “scudo” di un valore compreso tra i 150 e i 200 miliardi di euro per calmierare i prezzi del caro energia. Berlino attingerà a piene mani dal Fondo di stabilizzazione economica, un fondo al di fuori del normale bilancio federale. “Il prezzo del gas deve andare giù”, è l’imperativo categorico del cancelliere tedesco Olaf Scholz.

C’è la Germania, dunque, e poi ci sono gli altri Paesi, alle prese con strane scomparse di gas e rebus all’apparenza irrisolvibili. Prendiamo l’Italia. “Gazprom ha comunicato di non poter confermare la consegna dei volumi di gas richiesti per oggi (sabato 1 ottobre ndr) a causa della dichiarata impossibilità di trasportare il gas attraverso l’Austria. Oggi, pertanto, i flussi di gas russo destinati a Eni attraverso il punto di ingresso di Tarvisio saranno nulli”, informava l’Eni sul proprio sito.

Poco dopo è arrivato un chiarimento da parte di un portavoce della stessa Eni: “A partire da oggi Gazprom non sta più consegnando il gas ad Eni poiché, stando alle sue comunicazioni, non sarebbe in grado di ottemperare agli obblighi necessari per ottenere il servizio di dispacciamento di gas in Austria dove dovrebbe consegnarlo”. La frase chiave è però la seguente: “Ci risulta però che l’Austria stia continuando a ricevere gas al punto di consegna al confine Slovacchia/Austria”.

Dal canto suo Gazprom ha affermato che “il motivo di questa interruzione sono le modifiche normative in Austria” e che la società russa “sta lavorando per risolvere il problema insieme all’Italia”. “Il trasporto di gas russo attraverso l’Austria – ha aggiunto il colosso russo – è stato sospeso a causa del rifiuto dell’operatore austriaco di confermare le nomine di trasporto”.

L’inverno si avvicina

A poche settimane da un possibile abbassamento delle temperature in quasi tutta l’Europa, insomma, il quadro non è affatto positivo. Come sottolineato da Ispi, i flussi di gas provenienti dalla Russia sono ormai crollati oltre ogni minimo mai registrato. In picchiata, ma in negativo, anche i flussi europei – Norvegia in primis – che, complice il danno subito dai gasdotti Nord Stream, “servono” ai tedeschi.

Nonostante il poco stabile e lento aumento di gas algerino, la graduale ripresa dei flussi di Gnl e il TAP ai massimi consentiti dal gasdotto, come sottolineato dall’analista Ispi Matteo Villa, tutto questo potrebbe non bastare per frenare l’avvicinamento dell’Italia verso il worst case scenario.

Nel mese di settembre Roma ha importato 64 Gmc/a di gas, il 7% in meno delle importazioni che sarebbero servite per “andare in pari” con il 2021. Alla fine di ottobre la forbice potrebbe aumentare ancora. In generale, nel caso in cui l’Italia dovesse perdere i flussi di gas provenienti dalla Norvegia, e senza più il salvagente russo, allora Roma rischierebbe di arrivare a fine inverno con gli stoccaggi vuoti. E, probabilmente, sarebbe chiamata ad impiegare parte delle sue riserve strategiche.

Non solo: il fine inverno potrà essere raggiunto a fronte di una stagione fredda con temperature che rientrino nella media dell’ultimo decennio o superiori. In uno scenario ancora peggiore, a fronte di un inverno freddissimo e sempre ipotizzando un calo dei flussi europei, allora gli stoccaggi italiani potrebbero non bastare.

Il risultato coinciderebbe con una salita verso l’alto dei prezzi. In tal caso, la soluzione potrebbe essere quella di limitare i consumi così da ammortizzare il colpo. In che modo? Attuando un piano di razionamenti per salvaguardare industrie e famiglie. Al netto di qualsiasi scenario e ipotesi, è tuttavia fondamentale che l’Italia inizi a pianificare l’imminente futuro. L’inverno è alle porte.  

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.