Le Forze armate turche continuano la loro avanzata su Afrin nel nord-ovest della Siria contro i curdi siriani. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha lanciato l’operazione “Ramo d’olivo” il 20 gennaio scorso attaccando le forze armate curde delle Unità di protezione del popolo (Ypg). Secondo Erdogan lo Ypg è associato al gruppo del Partito curdo dei lavoratori (Pkk), designato come gruppo terroristico in Turchia.

Can Êzîdxelo, un ezido che viveva ad Afrin e che ora fa reporting sull’area, ci spiega che “i media non stanno raccontando quel che sta accadendo. Le forze armate turche stanno massacrando i curdi ad Afrin”.

Crimini di guerra sono stati riportati dall’agenzia di notizie siriana Sana e dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, che ha sede in Gran Bretagna. Il governo turco starebbe usando riptetutamente contro i cittadini curdi di Afrin anche armi chimiche, tra cui gas tossici. Delle fonti curde, inoltre, postano video e immagini dei crimini commessi contro i loro cittadini – come le immagini di bambini fatti a pezzi o di persone che hanno perso arti a causa, secondo la versione offerta dai curdi, dell’utilizzo delle bombe a grappolo, illegali secondo le convenzioni internazionali.

Êzîdxel ci spiega inoltre che, secondo i suoi familiari che risiedono ancora ad Afrin, i turchi prendono di proposito di mira luoghi civili come le scuole, le panetterie e le case. In un altro video le forze turche dichiarano di volere fare una sorta di pulizia etnica dei curdi, dicendo: “Porteremo qui le nostre famiglie e le nostre risorse per portare via il territorio dai curdi”.

Dopo le recenti espansioni curde nel nord della Siria con il supporto militare americano, il presidente Turco Erdogan ha mostrato più volte la sua opposizione verso l’alleanza statunitense con i curdi dello Ypg, chiamando in causa il fatto che lo Ypg è la faccia siriana del Pkk.

“Questo non ha nulla a che fare con il Pkk. Tenere i curdi alla larga a ovest degli Eufrate è stata una politica turca dagli anni 20”, ci spiega un curdo-turco che viva ad Istanbul sotto il nome Wasid, e che ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza.

Inoltre, ci sarebbe pure un elemento di matrice jihadista nell’invasione di Afrin. Tra gli alleati sul campo siriano ci sono i ribelli dell’Esercito siriano libero (Fsa) che fanno spesso richiami al fondamentalismo religioso. In un video ci sono le forze del Fsa che urlano: “Ammazzeremo tutti i quei porci curdi atei”. In un altro video invece si vedono i ribelli mentre distruggono un negozio di alcolici che apparteneva ai curdi, urlando “Allahu Akbar”.

In risposta all’invasione turca e dei ribelli siriani, forze volontarie pro-Assad si sono alleate con i curdi di Afrin, segnando segnando un cambiamento importante nella guerra civile in Siria.

Il ragazzo curdo che vive a Istanbul ci spiega: “Se dovessimo scegliere tra Assad o Erdogan ovviamente scegliamo Assad”. Ma l’alleanza tra Ypg e le forze di Assad complica ulteriormente il ruolo di Stati Uniti e Israele in Siria, in quanto queste forze vorrebbero deporre il presidente siriano.

Seyyeid Çakır, giovane turco e analista indipendente della situazione in Siria, ci offre invece una prospettiva alternativa: “L’operazione ‘Ramoscello d’olivo’ è rivolta solo contro lo Ypg, che è il ramo siriano del Pkk – riconosciuta come organizzazione terroristica dagli Stati Uniti, dall’Ue e dalla Turchia”. Çakır ci racconta anche che, secondo lui, molte delle fonti che riportano crimini di guerra da parte dei turchi sono spesso inattendibili e che, se fossero state veramente usate armi non convenzionali, ci sarebbe stata più attenzione da parte dei media. “Non trovo neanche siano particolarmente utili queste armi, e non penso nemmeno che le trovino utili le forze armate turche”, ci dice.

Secondo lui i ribelli siriani del Fsa avrebbero sviluppato un odio verso lo Ypg perché “durante la fase più critica della lotta per Aleppo, i curdi avrebbero preso molti dei territorio che appartenevano agli arabi e al Fsa”. Çakır inoltre ci spiega che ci sono dei curdi all’interno del Fsa che stanno combattendo contro le forze dello Ypg e che questo fatto aiuterebbe ad attenuare l’enfasi etnica turco-curda nella guerra. La presenza di alcuni curdi all’interno del Fsa è stato riportata anche da Al-Monitor, il giornale basato a Washington, che ha riferito che alcuni curdi sentono il dovere liberare Afrin dal regno dello Ypg. Ma per un altro curdo, Ariz Kader, questa ipotesi sarebbe solamente “propaganda turca”: “Le forze turche vogliono fare pulizia etnica ad Afrin. Un paio di membri del Fsa che hanno imparato a parlare curdo non smentiscono i fatti sul campo”.

Il curdo Satlik aggiunge inoltre che “l’obbiettivo della Turchia, come già avvenuto a nord di Aleppo, è sempre stato quello di volere cambiare la demografia nel nord-ovest della Siria, forzando i curdi nativi ad emigrare e sostituendoli con gli arabi e i turchi”.  Satlik ci spiega, inoltre, il pericolo che affronterebbero le minoranze religiose sotto i ribelli siriani: “Se sei cristiano, ezida o alevi o parte di qualsiasi altra minoranza religiosa ad Afrin, come ti sentiresti a sapere che ora c’è il pericolo che i curdi, che ti hanno permesso di praticare la tua religione liberamente, potrebbero essere sostituiti da islamisti che ti vedono come un apostata e un non credente?”.  I ribelli siriani hanno governato la città di Idlib con Al-Qaeda per anni, per esempio.

Satlik conclude spiegando il cambio di dinamiche nella guerra civile in Siria. Mentre una volta i ribelli siriani lottavano contro Assad, “Il Fsa – o ciò che ne è rimasto – non è più in grado di sconfiggere il governo siriano ed è dunque diventato l’arma della Turchia contro i curdi in Siria”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.