Afrin è caduta. Sulle mura bruciate e sbrecciate della città ora campeggiano le bandiere turche e quelle dell’Esercitosiriano libero, la formazione ribelle benedetta da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Paesi del Golfo e Giordania, che ora fa il lavoro sporco per Recep Tayyip Erdogan.

[Best_Wordpress_Gallery id=”862″ gal_title=”TURCHI ENTRANO AD AFRIN”]

Il Sultano è riuscito a ritagliarsi una zona di controllo nel nord della Siria, fondamentale per trattare con Iran e Russia al prossimo giro dei colloqui che si terranno ad Ankara il 4 aprile. In questo modo, Erdogan ha strappato ogni sogno di indipendenza ai curdi, che ora, dopo esser stati abbandonati dagli Stati Uniti, non possono far altro che cercare protezione a Damasco. Uno scenario impensabile fino al 20 gennaio scorso, giorno in cui è iniziata l’operazione “Ramoscello d’olivo”.

Ma la battaglia che si è combattuta ad Afrin deve essere letta alla luce di ciò che sta accadendo nella Ghouta orientale, dove l’esercito siriano controlla ormai l’80 percento del territorio. A breve, questo sobborgo alle porte di Damasco sarà definitivamente liberato e Bashar al Assad potrà concentrarsi sull’assalto finale all’ultima roccaforte ribelle (Idlib) e alla difesa dei confini.

Erdogan, vedendo sfumare il suo progetto iniziale sulla Siria, ha saputo muoversi in maniera esperta, cambiando di volta i suoi obiettivi. Prima ha sostenuto i ribelli, poi li ha bombardati e, infine, è tornato a servirsi di loro. E lo stesso con la Russia vista inizialmente come un avversario da combattere e poi come una potenza con la quale dialogare necessariamente. Gli Stati Uniti, con il loro silenzio, hanno lasciato ai turchi la possibilità di agire indisturbati.

È chiaro che il Sultano voglia ritagliarsi uno spazio che per forza di cose ci sarà nella Siria di domani. Per ora è stato abile a sfruttare l’arroganza curda e l’ambiguità degli Stati Uniti, riuscendo, con la conquista di Afrin, a portarsi in vantaggio. Ma gli equilibri, in questa guerra in continuo divenire, potrebbero cambiare già nelle prossime settimane.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.