Volano a oltre 15 chilometri d’altezza. Possono essere enormi, con un’apertura alare di 25 metri, o  microscopici, con un peso di appena 200 grammi. Sorvegliano o attaccano. Registrano informazioni o lanciano missili. Si tratta dei droni militari, i dispositivi che stanno cambiando lo scenario delle operazioni e delle tattiche di combattimento. Secondo il report dell’Ong Drone Wars – aggiornato a giugno 2019 -, sono 15 i Paesi che usano dispositivi armati a pilotaggio remoto (Apr) per operare sui campi di battaglia, primi su tutti gli Stati Uniti e Israele. Ma ci sono anche molti altri Stati che si stanno attrezzando per arrivare, tra la fine del 2019 e il 2022, a utilizzare droni da combattimento a pieno regime. E fra questi c’è l’Italia.

Dagli Usa a Israele, i Paesi con droni armati

L’elenco stilato da Drone Wars considera i dispositivi catalogati dalla Nato come Class II e Class III, vale a dire i droni da battaglia che pesano da un minimo di 150 chili fino a oltre 650 e che possono arrivare a volare a un’altezza di almeno 5 chilometri. Leader nel settore, da ormai oltre 10 anni, sono gli Stati Uniti, con i loro Predator, Reaper e Grey Eagle. Questi dispositivi sono in grado di lanciare attacchi  a lunga distanza, così come lo possono fare i droni israeliani Hermes (450/900) e Heron TP. Nella lista di Paesi che utilizzano a pieno regime i dispositivi pilotati da remoto, compaiono poi la Cina e il Regno Unito (Londra ha usato i droni armati in Iraq, Siria e Afghanistan). E ancora, l’Iran e poi la Turchia che viene segnalata come uno tra gli Stati più attivi, con centinaia di attacchi registrati.

Nell’elenco vengono poi citati il Pakistan e l’Iraq, così come l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto che hanno a loro disposizione il drone cinese Wing Loong (II), capace di effettuare missioni di lunga durata e a media altitudine. A chiudere l’elenco ci sono la Nigeria, l’Algeria, l’Ucraina e il Qatar. Nello specifico, a marzo l’aviazione dell’Ucraina ha ricevuto in servizio il primo drone 12 Bayraktar TB2s, mentre l’Algeria starebbe concentrando la sua attenzione sul dispositivo armato El Djazair: può raggiungere i 220 km/h e ha un’autonomia di volo di 72 ore. In Qatar, invece, ultimamente è stato sviluppato un programma ad hoc di addestramento per il personale che opera con i droni: avere a disposizione le migliori tecnologie è importante, ma serve anche formare i piloti che da remoto le gestiranno.

Le roadmap di Francia e Italia

Se alcuni Paesi stanno già lavorando a pieno regime con i droni armati, molti altri si stanno organizzando per andare nella stessa direzione. Fra questi compaiono anche la Francia e l’Italia. Parigi dovrebbe essere operativa entro la fine del 2019, con il drone Reaper che è già attivo senza armamenti. L’Italia dovrebbe usare lo stesso tipo di dispositivo, ma sui tempi c’è ancora incertezza. Il nostro esercito usa già droni, ma solo per operazioni di ricognizione e sorveglianza, come sottolinea l’Areonautica Militare sul suo sito, in cui vengono elencate le caratteristiche dell’MQ-1C Predator A+ e dell’MQ-9A Predator B, due dispositivi costruiti dalla General Atomics. Le loro funzioni sono tantissime: per esempio, possono “contribuire alle attività di controllo del territorio e delle linee di comunicazione, nell’ambito della lotta alla criminalità organizzata e all’immigrazione clandestina”. Ma non finisce qui: sono anche in grado di entrare in azione in “ambienti operativi ostili”, cioè in presenza – per esempio – di una contaminazione nucleare.

Verso l’utilizzo dei droni armati

L’incertezza sui temi di impiego non è solo dell’Italia, come mostra il caso tedesco: a Berlino il dibattito sugli aeromobili a pilotaggio remoto è ampio. Secondo le previsioni, l’Heron-Tp di produzione israeliana dovrebbe diventare operativo nel 2020 in Germania. E non si esclude, come ha scritto Reuters, che il Paese, insieme alla Francia, alla stessa Italia e alla Spagna possa lavorare in futuro a un drone di nuova generazione che sia competitivo sul mercato. Ma ci sono altri Paesi da tenere in considerazione: l’Australia dovrebbe avere droni armati nel 2020, mentre la Russia sta sviluppando molti programmi ma non ha nessuna data certa per l’operatività. Questa è la stessa situazione in cui si trovano anche il Kazakistan, la Birmania, la Corea del Sud e il Turkmenistan. Da definire anche la situazione della Giordania che opera con i droni CH-4B ma che, secondo le ultime notizie, sarebbe scontenta dei dispositivi tanto da non usarne a pieno il potenziale.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.