La guerra russo-ucraina ha scosso una volta di più la campagna per l’Eliseo e terremotato il campo della destra. Mentre Macron tiene la scena internazionale continuando una difficile mediazione con Vladimir Putin, i tre candidati della destra francese — Zemmour, Le Pen, Pécresse — sono costretti rivedere contenuti, strategie e tempistiche. Il primo ha scelto, sulla scia dell’eredità gaullista, una linea di non allineamento. In un comizio a Chambèry e poi nei dibattiti televisivi, il giornalista-candidato ha ribadito con forza il suo “né Usa, né Russia, ma sempre e solo la Francia”. Pur condannando l’aggressione putiniana, Zemmour si posiziona come “patriota integrale” e rifiuta di scendere nel campo atlantista. Dalla tribuna ha invece denunciato “l’espansione ininterrotta della Nato che ha inquietato i russi costringendoli a battersi per impedirla” e si è detto risolutamente contrario alla fornitura di armi e alle sanzioni internazionali. “Il prezzo del gas esploderà, il prezzo del petrolio aumenterà, i prezzi dei cereali voleranno e saranno i francesi a pagare”.

La versione di Zemmour

In più, commentando i tentativi di dialogo di Macron con Mosca, il leader di “Reconquete” si è detto convinto che la Francia può ergersi come legittimo negoziatore tra le due superpotenze soltanto a condizione di uscire (come già fece de Gaulle nel 1966) dal comando integrato della Nato e ritrovare la sua piena sovranità. “Come insegna la storia si negozia soltanto tra signori, non con i vassalli”. Ciliegina sulla torta, Zemmour si è dichiarato contrario ad accogliere profughi ucraini. “Vogliono restare vicini a casa, inutile portarli da noi”.

Insomma, per il sulfureo candidato la guerra è semplicemente un litigio regionale e un’arma di distrazione mediatica. “Il contrasto tra i fratelli russi e i fratelli ucraini ci fa dimenticare il vero scontro di civiltà in atto. I nostri problemi fondamentali non sono ad Est ma a Sud”. Parole dure e divisive che hanno riportato il polemista nell’occhio del ciclone e causato, secondo l’istituto Ipos-Sopra Steria, qualche ammaccatura nei sondaggi.

La posizione di Le Pen e Precrésse

Molto più prudente invece Marine Le Pen. La signora ha scelto sulla questione un profilo basso e ha rallentato di molto la sua campagna centellinando al più frasi di circostanza sul conflitto in corso. Non a caso. La sua prima preoccupazione è ora smarcarsi dalle precedenti posizioni filo russe ed evitare domande imbarazzanti sul suo incontro con Putin nel marzo 2017 o sui prestiti ricevuti sempre in quell’anno da una banca russa e non ancora interamente restituiti. Meglio perciò limitare gli interventi alle conseguenze delle misure internazionali sul potere d’acquisto dei ceti più fragili e periferici, il suo elettorato di riferimento. Del resto in questa anomala campagna elettorale il motto di madame Marine è “innanzitutto adattarsi agli imprevisti”. Bombe comprese.

Non pervenuta invece Valérie Precrésse, la candidata moderata. Il suo unico exploit si è risolto nella proposta di inviare due “emissari per la pace”, rispettivamente Hubert Vèdrine e Nicolas Sarkozy, a Kiev e a Mosca. Poi qualche banalità assortita e nulla più.

Gli ultimi sondaggi fotografano la situazione di stallo. Con il 30,5 Macron vola al primo posto, seguono ben distanziati Marine Le Pen (14,5) e Zemmour (13). A sorpresa leader goscista Mèlenchon raggiunge il 12, superando così una scoraggiata Precrésse che rimane inchiodata al 11,5. Su tutto e tutti aleggia l’inquietudine di oltre il 90 per cento dei francesi verso una crisi che sembra inarrestabile.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.