Il governo degli Stati Uniti d’America ha deciso di fornire la propria marina militare di una nuova testata nucleare a basso rendimento (ossia, inferiore ai 20 chilotoni) per rinnovare il proprio comparto balistico. Le testate verrebbero utilizzate dai sottomarini americani e la prima imbarcazione che sarà equipaggiata con la nuova arma, stando a quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, sarà la Uss Tennessee, operativa nelle acque dell’Atlantico.

Secondo quanto dichiarato dai portavoce dell’esecutivo statunitense, il dispiego di una nuova testata a basso rendimento servirebbe a scoraggiare i propri rivali (in particolar modo la Russia) dall’utilizzare il proprio arsenale nucleare. Avendo a disposizione infatti un armamento a basso rendimento i cui esiti sarebbero molto meno devastanti di una normale arma non convenzionale, le possibilità che venga utilizzato sono più elevate anche a causa del minore impatto che ne deriverebbe. In questo modo la possibilità che nei prossimi anni la terra sia teatro di un conflitto atomico sarà più remota.

Tuttavia, il fatto che gli Usa siano dotati di un’arma non convenzionale utilizzabile anche in situazioni meno estreme significa al tempo stesso che una detonazione nucleare potrebbe avvenire per mano Usa anche in condizioni in cui precedentemente non sarebbero state usate. In sintesi, potrebbe essere utilizzata come normale ordigno militare, non causando lo scenario di distruzione di massa e di danni ambientali come le versioni più potenti degli arsenali atomici, mantenendo però la sua potenza distruttiva sull’obiettivo.

Proprio questa possibilità ha messo sull’allerta il Partito democratico americano, che non ha esitato nel sottolineare come tale strumento, più che un deterrente, possa significare una nuova corsa agli armamenti da parte degli avversari degli Stati Uniti d’America. Oltre alla Russia, soprattutto Paesi come Corea del Nord e forse nel futuro l’Iran potranno optare per la stessa scelta, con la differenza di possedere notoriamente un temperamento differente rispetto a quello del ceto politico moscovita.

Il governo degli Stati Uniti ha però precisato come la mossa sia stata effettuata semplicemente per un discorso difensivo e legato alla psicologia della guerra, proprio per evitare il verificarsi di un conflitto nucleare nei prossimi anni. Tuttavia, gli enormi interrogativi lasciati aperti dalla questione evidenziano come, nonostante i punti di forza sottolineati dall’esecutivo americano, la mossa Usa possa essere reputata ambigua, mettendo sulla difensiva gli stessi massimi avversari mondiali.

In questo scenario, la possibilità che nei prossimi mesi e nei prossimi anni si assista effettivamente ad una nuova corsa agli armamenti nucleari – questa volta di ridotta potenza – è più reale che mai, date soprattutto le tante questioni irrisolte a livello mondiale e che dall’inizio del 2020 hanno subito una nuova impennata. Con Washington che anche questa volta ha deciso di giocare d’anticipo, scoprendo però le carte per evitare che la mossa potesse essere identificata come possibilmente ostile; nonostante la conseguenza di eventi che necessariamente provocherà negli ambienti militari mondiali.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.