Diventa fotografo professionista con noi
Iscriviti alla masterclass
Guerra /

L’ultima sacca dei terroristi, quella di Idlib, sta per essere definitivamente sconfitta. Le forze russe e siriane bombardano senza sosta l’ultima roccaforte jihadista in Siria, per lo più dominata dalle frange legate ad Al Qaeda. E dalla battaglia arrivano le prime voci del dissenso del terrorismo islamico in Siria, ormai abbandonato dai suoi stessi leader. A ricordarcelo è Semprini, su La Stampa, che riporta i drammatici dialoghi telefonici fra terroristi intercettati dall’intelligence. “È il comandante Abou Motassam che vi parla, attenzione combattenti, non c’ è più niente da fare, conviene andarsene. Siamo stati venduti, è finita”. In queste conversazioni s’intravede l’incubo dei terroristi assediati, che adesso accusano direttamente i leader jihadisti: “Non avete combattuto per Dio ma per il denaro”. Un’accusa che dimostra quello che tutti sostenevano, che era il fiume di denaro proveniente da fonti ancora poco chiare a muovere gli eserciti, e non certo il radicalismo islamico, semmai semplice cornice di un quadro composto da traffici illeciti, petrolio, denaro, droga e mercenari. Non ribelli ma semplici mercenari assassini, che vedevano nello Stato islamico la soluzione a una vita di povertà ai margini della società mediorientale, africana, ma anche europea e asiatica, come dimostrano i numerosi foreign fighters giunti da ogni parte del mondo.

[Best_Wordpress_Gallery id=”816″ gal_title=”Nour Al Din Al Zenki”]

Cosa stiamo aspettando? I jet russi colpiscono, i jet siriani colpiscono, le forze di terra avanzano, colpiscono al Maarah, Sarakeb, Bab Al Hawa, al Khan colpiscono ponti, strade palazzi, vogliono spazzarci via” si legge dai resoconti delle conversazioni. E mentre l’assedio continua inesorabile, è scattata anche la guerra fratricida da islamisti come resa dei conti di un gioco più grande di loro. Ogni gruppo aveva il suo mandante: sauditi, qatarioti e turchi in primis. E adesso, con il Qatar bloccato dai sauditi, l’Arabia impegnata a dimostrare di non sostenere il terrorismo e con la Turchia che ha abbandonato lo jihadismo siriano per finirla con i curdi, le sigle ribelli non hanno più soldi, armi né sostegno politico. Una catastrofe per loro, mandati avanti dalle promesse di rovesciamento di Assad e che adesso pagano l’intervento russo, delle milizie sciite, e dell’esercito di Damasco. Traditi dai loro capi, dimenticati dalle potenze che li hanno sostenuti, braccati dalle forze alleate della Siria, tra gli jihadisti è panico. 

Chi è arrivato lì per soldi, per fini politici, coadiuvato dalle potenze nemiche di Assad, ora cerca la fuga. Disperato, senza nient’altro che la propria vita da salvare e provare a salvare le proprie famiglie. Ma c’è chi, lontano dal gioco politico del Golfo, continua a ingrossare le fila di Idlib, consapevole che lì si gioca tutto. Sono i terroristi che arrivano dai Paesi alleati di Damasco, coloro che non hanno veramente più nulla da perdere, perché sanno che la loro guerra allo Stato o si gioca in Siria o si traduce in una condanna a morte. Sono i ceceni, sono i terroristi dell’Asia centrale, sono gli uiguri. Gente che ha combattuto la propria guerra contro lo Stato cui appartengono in Siria e che in Siria rimarrà per completare la missione. Come riportano le fonti locali, colonne di milizie uzbeke, cinesi uigure e provenienti dalle regioni islamiche del Caucaso, hanno ormai raggiunto la provincia di Idlib. Questi gruppi popolano il fronte ribelle in Siria da anni ed è uno dei motivi per cui Cina e Russia hanno supportato la resistenza di Assad e la sua riconquista della Siria. Lasciare il campo allo jihadismo era, infatti, una pericolosa minaccia per la propria sicurezza interna, prima ancora che per la propria politica mediterranea e mediorientale. La maggior parte di loro disputa parte del Partito islamico del Turkestan e di Tahrir al-Sham. Il primo raccoglie i terroristi dell’Asia centrale, in particolare gli uiguri dello Xinjiang, e vuole fondare una sorta di califfato del Turkestan orientale. Il secondo, la costola di Al Qaeda in Siria, è il frutto della rimodulazione dei movimenti salafiti in Siria ed è nato più o meno all’inizio del 2017.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.