La notizia della convocazione arriva nel pieno di questo pomeriggio di giovedì: Luigi Di Maio, in qualità di ministro degli Esteri, fa chiamare alla Farnesina l’ambasciatore turco a Roma Murat Salim Esenli.

Una mossa per certi versi inaspettata, anche se già da alcune ore circolano voci su una possibile condanna ufficiale da parte italiana dell’operazione “Primavera di pace”, avviata ieri dal presidente turco Erdogan nel nord della Siria.

Secondo Di Maio, l’Italia deve esprimersi in maniera nettamente contraria alla missione di Ankara che ha nel mirino, in primo luogo, i curdi: “A seguito delle iniziative militari turche nella Siria nord-orientale – si legge in una nota della Farnesina riportata da AgenziaNova – il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha disposto la convocazione alla Farnesina dell’ambasciatore della Turchia in Italia“.

Nel riaffermare l’importanza della cessazione di ogni azione unilaterale – prosegue poi la nota – l’Italia ribadisce che l’unica strada percorribile per una soluzione duratura alla crisi siriana è rappresentata dal processo politico in corso sotto gli auspici delle Nazioni Unite”.

Infografica di Alberto Bellotto

Pochi minuti dopo l’ufficialità della convocazione dell’ambasciatore di Ankara a Roma, è lo stesso ministro Di Maio a confermare il senso dell’iniziativa: “Il nostro Paese – si legge sull’AdnKronos – Condanna l’iniziativa di Ankara, è per questo che ho convocato l’ambasciatore”.

Una presa di posizione dunque ufficiale, che se da un lato appare in linea con i commenti di condanna all’operazione turca, dall’altro in qualche modo stride con l’operato degli ultimi mesi non solo dell’attuale governo ma anche di quelli precedenti. Italia e Turchia infatti godono di ottimi rapporti, di recente diversi riscontri diplomatici confermano collaborazioni tra i due paesi anche sul fronte libico.

Ma quanto sta accadendo in Siria, secondo Di Maio merita una riflessione: “Non possiamo voltarci dall’altra parte”, spiega ancora il ministro.

La convocazione arriva in una giornata poi molto tesa tra Turchia ed Europa, nel suo complesso: “Se continuate a chiamarla invasione, apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati siriani e li manderemo da voi” minaccia il presidente turco Erdogan dopo le dichiarazioni di alcuni leader politici europei contrari all’operazione lanciata in Siria.

Un asse dunque, quello tra Ankara ed i paesi del vecchio continente, che alla luce delle ultime evoluzioni appare decisamente incandescente.

Intanto, l’Unhcr – l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati – ha lanciato l’allarme dicendo che “centinaia di migliaia di civili nella Siria settentrionale sono ora in pericolo. I cittadini e le infrastrutture civili non devono rappresentare un bersaglio”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.