L’esercito cinese sta sviluppando dei super cannoni di nuova generazione al “plasma magnetizzato“. Letali su obiettivi schierati fino a 100 chilometri di distanza alla bocca da fuoco, sarebbero in grado di sparare colpi che viaggiano a velocità Mach 6. È per questo motivo che l’Esercito popolare cinese chiama questo nuovo tipo di artiglieria “arma fine del mondo“.

Secondo quanto riportato dalla stampa cinese, puntuale veicolatrice delle informazioni promosse dal partito, il Pla avrebbe sviluppato e starebbe iniziando a testare dei pezzi d’artiglieria al plasma magnetizzato, una tecnologia che suona fantascientifica solo a nominarla che ha rudimenti di realtà, e si affiancherà alle nuove armi che sfruttano l’energia laser e ai missili che viaggiano a velocità ipersonica.

L’Academy of Armored Forces Engineering del Pla (People’s Liberation Army) avrebbe infatti depositato un brevetto riguardante un cannone che prevede impiego di un materiale magnetico che ricopre la canna del pezzo d’artiglieria e la presenza di un generatore collegato che produce un campo magnetico all’interno della stessa. Quando la munizione viene sparata, il gas all’interno della canna risulterebbe quindi parzialmente ionizzato nel plasma dall’altissima pressione e dal calore, tale plasma formerebbe una sorta di “guaina” di circa un millimetro sulla parete interna della canna a causa del campo magnetico, secondo le specifiche del brevetto, permettendo al proiettile di ridurre l’attrito e permettendo al colpo di raggiungere una velocità iniziale di sei volte la velocità del suono.

Il progetto mira a convertire una parte dell’artiglieria convenzionale, compresi cannoni da campagna e pezzi d’artiglierei montati sui tank, con questi nuovi cannoni, per aumentare a dismisura la letalità delle forze terresti che potrebbero colpire con una velocità mai vista prima obiettivi schierati ad una distanza impressionante. Attualmente infatti nessun cannone americano, nemmeno la nuova generazione di pezzi d’artiglieria Extended Range Cannon Artillery (Erca) o le nuove munizioni Excalibur 1B sparate dai pezzi da 155mm sono in grado di superare i 70 chilometri di portata.

Gli analisti militari cinesi hanno dichiarato che questo tipo di tecnologia potrebbe aumentare a stretto giro la portata degli obici semoventi da 155 millimetri, e presto potrebbe estendere la loro portata a 50 chilometri e poi 100, come previsto. Contestualmente i cinesi starebbero anche testando cannoni elettromagnetici in grado di accelerare le munizioni fino a Mach 7, ma questi apparati necessitano di sistemi di alimentazione troppo grandi per essere spostati sul campo di battaglia, dunque saranno destinati alle navi da guerra che li starebbero già testando in mare aperto. La tecnologia militare cinese, se realmente capace di raggiungere i risultati menzionati, dovrebbe iniziare a preoccupare seriamente gli Stati Uniti.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.