Guerra /

L’aviazione israeliana ha colpito per rappresaglia, nella notte appena trascorsa, alcuni obiettivi dell’esercito siriano sulle alture del Golan. Ventiquattro ore fa, un colpo di mortaio avrebbe colpito il lato israeliano del Golan, non causando danni o feriti. Domenica scorsa, un colpo di mortaio esploso dalla Siria, ha colpito un’area aperta sul lato israeliano della zona smilitarizzata sul Golan, senza causare danni.In risposta, l’IDF ha colpito unità dell’artiglieria dell’esercito siriano sulle alture del Golan. Israele ritiene responsabile per qualsiasi attacco proveniente dalla Siria, indipendentemente dalla fonte, il regime del presidente Bashar Assad. I due Paesi sono ufficialmente ancora in guerra: Damasco non ha mai firmato un trattato di pace con la capitale de facto Gerusalemme.Il mese scorso, un colpo di mortaio ha colpito un campo minato sul lato israeliano del Golan, non provocando danni o feriti. In risposta, l’IDF ha effettuato raid contro l’esercito siriano sul lato opposto della DMZ. Il Golan siriano è stato luogo di intensi combattimenti negli ultimi anni tra le forze del regime di Assad ed il Fronte al-Nusra.nuova stripNelle ultime settimane, le truppe lealiste fedeli a Bashar Al Assad e migliaia di guerriglieri del gruppo sciita libanese Hezbollah sarebbero stati ammassati vicino la zona Quneitra, che si trova tra la Siria e le Alture del Golan. Israele sarebbe ufficialmente neutrale nella guerra civile siriana, ma dal 2013 ha effettuato una dozzina di attacchi aerei in tutto il Paese colpendo anche strutture governative. I caccia israeliani hanno distrutto decine di convogli destinati alle truppe Hezbollah, presenti in Siria a sostegno delle forze lealiste del presidente Bashar al-Assad. Lo scorso dicembre Benjamin Netanyahu affermò che Israele non avrebbe mai permesso il transito di forniture militari dalla Siria al Libano.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.