I ribelli siriani si mostrano sempre più terroristi e sempre meno “moderati”. Nelle ultime ore ha fatto grande scalpore un filmato parecchio truce in cui si vede un bambino – avrà al massimo 11 anni – preso dai ribelli e accusato di essere una spia di Liwaa Al Quds, una brigata palestinese che sostiene il presidente siriano Bashar Al Assad (Qui il filmato dell’orrore).Il filmato è stato realizzato dai miliziani di Harakat  Nour al-Din al-Zenki, foraggiati anche dagli Usa in funzione anti-Assad. I loro comportamenti lasciano ben pochi dubbi si chi siano davvero i ribelli moderati. L’indice che si rivolge verso il cielo e le urla Allah Akbar mentre il povero bambino viene decapitato.Un ribelle lo prende per i capelli e lo schiaffeggia. Poi lo butta a terra con violenza e il coltello comincia a scivolargli sulla gola. Potrebbe essere un’immagine girata a Raqqa o a Mosul. Invece no. È il simbolo della Siria che verrà una volta che Assad dovesse perdere il potere a causa dei ribelli sostenuti dall’Occidente.Dopo che il filmato è stato diffuso in rete,  in una nota, il gruppo ribelle ha denunciato l’accaduto, parlando di “abusi dei diritti umani condivisi sui social media”, che non rappresentano le sue politiche e azioni. Harakat Nour al-Din al-Zenki ha annunciato anche di aver formato una commissione di indagine per verificare i fatti: “Tutte le persone che avrebbero commesso la violazione sono state arrestate e consegnate alla commissione per le indagini in accordo con gli standard legali del caso”. La Coalizione nazionale siriana, cui il gruppo appartiene, ha definito i fatti “intollerabili” e chiesto che esso applichi le misure necessarie per affrontare il caso.Ciò che stupisce è che Harakat Nour al-Din al-Zenki è un “nostro” alleato in Siria. Dall’America il gruppo ha ricevuto i BGM-71-Tow, vari tipi di armi e parecchi soldi. Sono davvero questi i nostri alleati?banner_occhi_sotto_attacco Ora i cristiani sono sotto tiro non solo in Medio Oriente, Africa, Asia ma anche qui da noi. Per questo vogliamo continuare a raccontare le storie dei cristiani sotto attacco ovunque si verificassero episodi di discriminazioni, persecuzioni, violenze. Per farlo abbiamo bisogno anche di te. SOSTIENI IL REPORTAGE SUI CRISTIANI SOTTO TIRO QUI

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.