A poco più di un mese di distanza dalla decapitazione di Mahmoud, un povero bimbo palestinese decapitato dai ribelli di Harakat Nour al-Din al-Zenki (gruppo sostenuto da Turchia e Stati Uniti), ecco che arriva un’altra tragica notizia dal fronte siriano.Come è noto, i ribelli stanno avanzando verso la città di Hama che, per il momento, è ancora sotto il controllo di Bashar al Assad.  Secondo quanto riferisce Al Jazeera, i ribelli hanno preso il controllo di una base missilistica e della caserma di Al Matahin nel villaggio cristiano di Marde e hanno attaccato i soldati di Assad presso l’aeroporto di Hama. L’avanzata delle fazioni islamiste sta causando un esodo degli abitanti delle città finora controllate dalle forze governative, popolate da cristiani e alawiti.In questa avanzata, sono le fazioni islamiste a farla da padrone, in particolare Jund al-Aqsa (un gruppo siriano legato ad Al Qaida) e Jaish al-Izzah (gruppo sostenuto dagli Usa anche con l’invio di missili Tow e affiliato all’Esercito siriano libero).Per approfondire: La propaganda dei ribelli? Made in Uk Secondo quanto riporta Al Masdar, i miliziani di Jund al-Aqsa e di Jaish al-Izzah avrebbero decapitato due soldati dell’esercito siriano. Le immagini sono tremende: i boia fanno inginocchiare i militari e, in perfetto stile Isis, estraggono i coltellacci e li decapitano. Il tutto mentre scattano fotografie.[Best_Wordpress_Gallery id=”280″ gal_title=”Deca”]In passato,  Amnesty International si è presa la briga di segnalare i tanti crimini compiuti dai ribelli siriani. Un dossier importante, ma silenziato dai nostri giornali. Stiamo fornendo armi e consulenze a dei tagliagole. Quando capiremo che la strada da seguire è un’altra?nuova strip

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.