La Romania proporrà la creazione di una brigata multinazionale per la regione del Mar Nero al prossimo vertice della Nato che si svolgerà a luglio a Varsavia, in Polonia.È quanto ha dichiarato, durante un forum del Consiglio Atlantico sulla sicurezza del Mar nero, l’ambasciatore George Cristian MaiorLa Romania proporrà la creazione di una brigata multinazionale in rotazione costante, ricalcando lo stesso concetto delle forze che saranno schierate negli Stati baltici ed in Polonia entro il 2017.”Tenendo conto del prossimo vertice della Nato a Varsavia, Bucarest avanzerà ufficialmente la proposta di creare una brigata multinazionale con sede in Romania per rafforzare la parte meridionale del fianco orientale. Il nostro paese è disposto ad investire risorse nella brigata multinazionale, così da rappresentare una certa deterrenza nella grande regione del Mar Nero”.Per approfondire: Tre battaglioni Nato contro le divisioni russeDopo il vertice di martedì scorso, il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha confermato che l’Alleanza ha accettato di distribuire quattro battaglioni multinazionali in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. I ministri della difesa della Nato hanno concordato anche le misure per rafforzare la difesa e la deterrenza nella regione del Mar Nero.Per approfondire: “Il Mar Nero non sarà mai un lago della Nato”Il Cremlino non ha ancora commentato la proposta della Romania, ma qualsiasi tentativo di trasferire la sfera d’influenza della Nato nel Mar Nero, non sarà accettato da Mosca. Il Mar Nero, ha confermato pochi giorni fa Alexander Grushko, rappresentante permanente della Russia presso la Nato, non sarà mai un lago della Nato.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.