Il 6 gennaio di quest’anno, il mondo si è risvegliato con un incubo: quello della bomba nucleare. Quel giorno, la Corea del Nord ha testato una bomba all’idrogeno provocando le reazioni della comunità internazionale, Giappone in testa: “Non possiamo assolutamente permettere questo”, ha detto il premier Shinzo Abe.

Ma quello coreano è solo l’apice di un iceberg, quello di una possibile guerra nucleare, che è ben più ampio. Prendiamo per esempio la politica Usa su questo tema. Nel giugno 2014 l’Espresso ha rivelato l’esistenza di “venti ordigni americani nella base bresciana di Ghedi. Che i caccia della nostra Aeronautica possono sganciare in ogni momento”.

Notizia confermata da un’inchiesta del 20 gennaio scorso realizzata da Il Fatto quotidiano  che, partendo da un documento del 12 novembre 2014, conferma quanto affermato dall’Espresso. Il ministero della Difesa italiano è pronto a investire parecchi milioni di euro – scrive Il Fatto Quotidiano – per ammodernare le armi nucleari custodite nella base di Ghedi: “La notizia è ufficiale, tanto ufficiale che il Segretariato generale della Difesa ha firmato il contratto n. 636 in data 12 novembre 2014 del valore di oltre 200 mila euro per la sola progettazione delle opere di ammodernamento del sistema WS3 (sta per Weapon Storage and Security System). Le informazioni su questo contratto, classificato ‘riservatissimo’, sono riportate nel documento della Corte dei conti sulla gestione dei contratti pubblici segretati del 2014, la ‘Deliberazione 18 novembre 2015, n. 11/2015/G'”. Quindi in Italia, mentre si discute da anni se realizzare o meno centrali nucleari, sono già presenti bombe (e parecchie) di questo tipo.

E, sempre per rimanere sul fronte nucleare americano, Franco Iacch ha ben spiegato su ilGiornale.it, qual è il potenziale militare di Obama: “Gli Stati Uniti prevedono di subire diversi tipi di attacchi cinetici, elettronici ed informatici oltre a raid convenzionali contro le strutture di supporto a terra. Non è escluso l’impiego di testate nucleari. Un’esplosione nucleare nella bassa orbita terrestre creerebbe un impulso elettromagnetico che potrebbe mettere fuori uso anche i satelliti schermati. Ma se ciò accadesse resterebbe sempre la linea Minuteman. I limiti simmetrici della componente strategica terrestre in un ‘First Strike’ così come la ‘ridotta’ potenza di un sistema nucleare aviolanciato, comunque ostaggio di un sistema logistico standard, conferiscono alla mobilità ed elusività dei ‘boomer’, il ruolo principale anche in un asset strategico del futuro”.

Passando da Occidente a Oriente,  Vladimir Putin ha più volte parlato del possibile impiego di bombe atomiche, dalla Crimea all’Isis. Di più: lo scorso dicembre, il leader russo ha annunciato di avere “un’attenzione particolare al rafforzamento del potenziale bellico delle forze strategiche nucleari“, dotando “tutti i componenti della nostra forza nucleare – Marina, Aviazione ed Esercito – di nuovi armamenti”.

Oggi, mentre sale la tensione tra Russia e Inghilterra per il caso Litvinenko,  il segretario britannico alla difesa Michael Fallon ha mostrato il joystick che permette ai sottomarini atomici Trident di lanciare missili ovunque si trovino. “Sono pronto a premerlo se necessario”, ha detto il segretario.Quella che si prospetta sembra proprio essere una guerra che si giocherà, se non sull’impiego di bombe atomiche, almeno sulla minaccia di un loro possibile utilizzo.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.