Maya ha otto anni ed è nata dopo lo scoppio della guerra in Siria. Nella sua vita, l’unica cosa che ha visto sono state bombe e violenza. È una figlia della guerra, non riesce ad immaginare un modo diverso. Un mondo migliore. Tutto ruota attorno ai bombardamenti e ai kalashnikov. La vita è difficile, soprattutto se vivi in un campo profughi in Siria e ogni giorno devi sperare che il piatto, in un modo o nell’altro, si riempia.

[Best_Wordpress_Gallery id=”1048″ gal_title=”Bimba Siria protesi”]

Maya, fino a poco tempo fa, non poteva camminare. È nata senza gambe ma, durante la sua vita, non ha mai potuto fermarsi un attimo. Da Aleppo, in seguito ai furiosi combattimenti tra governativi e ribelli, è dovuta scappare con i suoi genitori in un campo profughi della provincia di Idlib.

Ed è qui che suo padre, che soffre della stessa malattia, ha avuto un’idea capace di cambiare la vita della bimba: Maya deve poter camminare per poter giocare e andare a scuola. Come fare? Protesi e medicinali sono un lusso in Siria, specialmente nelle zone controllate dai ribelli, dove la famiglia di Maya si trova. Suo padre ha così preso dei barattoli per sardine e li ha riempiti di cotone e stoffa in modo tale che la bambina potesse usarli come protesi: “Il mio cuore soffriva – racconta l’uomo – quando la vedevo strisciare davanti agli amici mentre giocavano”.

Una soluzione provvisoria, ovviamente, ma che ha già dato qualche beneficio: “È difficile, ma quelle protesi sono meglio di niente”. Già, perché sembra ormai esser questo lo spirito che, ancora oggi, è diffuso in molte aree della Siria: “È meglio di niente”. Un’ora senza bombe governative è meglio di niente. Così come un’ora senza i colpi di mortaio dei ribelli. 

La famiglia di Maya riesce a condurre, pur tra mille difficoltà, una vita tranquilla all’interno del campo profughi nella provincia di Idlib. Il conflitto che ha fatto più di 500mila morti (e che non accenna a finire) ha mostrato sia il meglio che il peggio del popolo siriano. Da una parte e dall’altra della barricata. E la storia di Maya dimostra ancora una volta che a far le spese in questa sporca guerra sono soprattutto i civili.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.