Il fronte al-Nusra avrebbe schierato quasi diecimila terroristi a protezione di Aleppo.Questa la stima del Ministero della Difesa russo. Secondo il Cremlino, 8000 guerriglieri sarebbero asserragliati a sud-ovest di Aleppo. Altri 1500 schierati a protezione del lato nord della città.Posizioni difensive chiariscono da Mosca a protezione della principali arterie di rifornimento verso Aleppo. Le attuali forze governative siriane, oggi, non riuscirebbero a prendere d’assalto la città: ecco perché si starebbero indirizzando sulle linee di rifornimento dei terroristi.Nelle ultime settimane, il fronte al-Nusra ha effettuato diversi attacchi su Sheikh Maqsoud ed al-Zagra, alla periferia di Aleppo. Se riuscissero a mettere in fuga le forze lealiste, i terroristi potrebbero dilagare nel nord della Siria.Non è tempo di riprendere Aleppo – continuano dal Ministero della Difesa russo – dobbiamo prima consolidare le nostre posizioni e contrastare i piani di espansione del fronte al-Nusra che cerca di aggravare la situazione umanitaria di Aleppo stabilendo il controllo sulla strada che collega la città con HomsSmentite, quindi, le dichiarazioni del primo ministro siriano, Wael Nader Halqi. Quest’ultimo aveva annunciato che l’esercito siriano, supportato dall’aviazione russa, stava progettando di riprendere Aleppo.Secondo il Cremlino, armi e militanti continuano a giungere senza sosta dal confine turco-siriano, anche attraverso le zone controllate da gruppi di opposizione sostenuti dagli USA.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.