Dalla Siria giungono notizie di un presunto attacco della coalizione internazionale a guida Usa contro le postazioni dell’esercito siriano e delle milizie ad esso collegate.

Secondo alcuni media legati a Hezbollah e al governo di Damasco, gli aerei delle forze internazionali avrebbero preso di mira due avamposti dell’esercito siriano nel deserto orientale e un’unità di supporto di Hezbollah.

L’unità libanese ha riferito che il bombardamento da parte degli aerei della coalizione ha avuto luogo vicino alla postazione T-2, una stazione energetica situata vicino al confine con l’Iraq a circa 100 chilometri dal corso dell’Eufrate. 

Conferme sui raid arrivano anche dall’ormai noto Osservatorio siriano dei diritti umani con base a Coventry. Secondo le sue fonti, il raid sarebbe avvenuto nei pressi di Abu Kamal e sarebbero morti 12 membri delle milizie pro-Assad.

La smentita degli Stati Uniti

Mentre i media locali affermano l’avvenuto raid da parte delle forze della coalizione, il Pentagono nega qualsiasi coinvolgimento. In sostanza, questo strike resta un mistero.

Bill Urban, portavoce del Comando centrale degli Stati Uniti, ha riferito all’agenzia Reuters: “Non abbiamo alcuna segnalazione di un attacco della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro gli obiettivi o le forze del regime pro-siriano”. Mentre un altro portavoce del Pentagono, che ha parlato in condizioni di anonimato, ha dichiarato: “Non abbiamo informazioni a sostegno di tali rapporti”.

Ma le notizie riguardo una ripresa degli attacchi anche contro le milizie legate all’esercito siriano sono in aumento. Come riportano i media britannici, Danny Makki, esperto di Medio Oriente, ha dichiarato su Twitter: “L’attacco degli Stati Uniti a due basi dell’esercito siriano, base T2 nella Siria orientale, è stato confermato“. E si tratterebbe del secondo caso, dopo l’abbattimento di un drone siriano da parte delle forze internazionali.

A Est della Siria infuria la battaglia

Il luogo è di particolare importanza non solo perché al centro della guerra per la riconquista del territorio siriano contro lo Stato islamico, ma anche perché lì sorgono alcuni fra i più importanti terminali petroliferi siriani. La corsa per accaparrarsi le (pur esigue) risorse petrolifere siriane non è secondaria nella logica di guerra delle milizie ribelli. Ed è per questo che il governo sta puntando a riprenderne il controllo: la rinascita della Siria passa anche dalla riconquista della sua energia.

La parte orientale della Siria resta ancora il nodo da sciogliere per il futuro del Paese. L’area è l’ultima sacca di resistenza dello Stato islamico ed è la zona in cui la coalizione internazionale guida i bombardamenti.

Le forze ribelli legate alle potenze occidentali, in particolare le milizie arabo-curde, combattono contro Daesh ma, nello stesso tempo, servono come ostacolo all’avanzata dell’esercito governativo. A nord, i curdi controllano ormai un’area molto vasta, nonostante le iniziative della Turchia. E a sud, le bandiere nere dei terroristi resistono.

Le forze di Bashar al Assad insieme a quelle degli alleati tentano di sfondare la linea del fronte per raggiungere l’Eufrate. Ma non è semplice. Il fronte di Damasco è stato impegnativo e l’esercito deve recuperare le forze. Nel Sud della Siria, a Dara’a e al confine con la Giordania, la situazione è incandescente.

Ma l’idea è che a Est, al confine con l’Iraq, si possa giocare la battaglia decisiva per il futuro della Siria. Qui le forze della coalizione occidentali non sembrano intenzionate a riconsegnare il territorio al governo siriano. E dall’altra del confine, l’Iraq, soprattutto con la vittoria di Moqtada al Sadr alle elezioni, rischia di essere il nuovo fallimento della strategia americana.

A prescindere dal fatto che questo raid sia avvenuto o meno, è chiaro che adesso sia a Est la vera grande linea del fronte di guerra. E questa volta lo scontro non è solo con i ribelli né con i terroristi: ci sono anche le forze occidentali. E le domande sull’effettivo ruolo della coalizione in questa fase della guerra cominciano a tornare prepotentemente fondamentali.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.