In Germania come in Italia ed in Grecia: l’assetto attuale della burocrazia appare in difficoltà sul fronte immigrazione. Molte le domande di asilo, pochi gli impiegati che possono trattare celermente la questione e così in centinaia restano all’interno del paese senza sapere il proprio destino. Un problema noto, per l’appunto, nei paesi di primo approdo come Italia e Grecia: in quest’ultima nazione da settimane si parla addirittura di un possibile piano degli stessi migranti di forzare le frontiere ed uscire dai confini ellenici. Sorprende, ma fino ad un certo punto, il problema inerente la Germania.

Tedeschi in difficoltà dal 2015

Sul fronte immigrazione un anno cruciale è indubbiamente il 2015: complice l’avanzata dello Stato Islamico tra Siria ed Iraq, in migliaia si riversano in Turchia e, da qui, prova a raggiungere il nord Europa. Si tratta della cosiddetta “rotta balcanica“, il percorso cioè dei migranti che attraverso i paesi dell’est del vecchio continente arrivano in paesi quali Svezia e Germania in primis. Ma in quell’anno si registra anche la presa di posizione politica da parte del cancelliere tedesco Angela Merkel: il capo dell’esecutivo decide aprire le frontiere e fa arrivare nel suo paese circa un milione di immigrati, perlopiù siriani. Da più parti arrivano plausi alla scelta tedesca, la stessa Merkel diventa la paladina di quei movimenti che si battono per un’accoglienza sostanzialmente senza grossi controlli. In realtà da quel momento per la Germania e per lo stesso governo di Berlino inizia un autentico incubo.

Arrivano problemi di ordine pubblico, la gestione diventa molto difficile, molti tedeschi iniziano a vedere nella strategia della Merkel un autentico fallimento, nei sondaggi avanza anche il movimento Afd, che parla della necessità tra le altre cose di controllare le frontiere. L’esecutivo tedesco attua quindi un repentino passo indietro e spinge la stessa Unione Europea ad un accordo con la Turchia, in cui si sancisce il pagamento da parte di Bruxelles di tre miliardi l’anno ad Ankara per trattenere i migranti in Anatolia. Ma intanto in Germania il dado è tratto: l’improvvisa impennata di arrivi, mette in crisi il sistema burocratico. Una situazione ben descritta su ItaliaOggi, il quale a Berlino ravvisa gli stessi problemi che sussistono in Italia: decine di migranti rimangono senza avere risposte sul diritto d’asilo in quanto gli uffici preposti appaiono oberati di lavoro.

Una sola pratica potrebbe rimanere richiusa nel cassetto per diversi anni, in tanti rimangono in giro per la Germania in quanto per diverso tempo nulla si conosce sulla loro sorte: non si decide né di accettare la domanda di asilo, né di espellere eventualmente il soggetto in questione. Difficoltà a cui i tedeschi, che da sempre fanno della propria burocrazia un vanto, non sono abituati. Un’altra grana politica per la Cdu, il partito della Merkel, in vista delle prossime prove elettorali.

Burocrazia sottodimensionata

Ma il caos relativo alla questione migratoria, mette in mostra una complessiva situazione dell’organizzazione statale ed amministrativa tedesca non più rosea come un tempo. Come descritto ancora dallo stesso Roberto Giardina, in Germania negli attuali organici mancano almeno 185.000 soggetti: tra poliziotti, impiegati, vigili del fuoco ed insegnanti, c’è una vera e propria emergenza relativa alla carenza di personale in molti settori. Anche qui si fanno tagli, anche in Germania appare difficile sostituire chi va in pensione, sempre più uffici hanno le scrivanie vuote e con il tempo la situazione potrebbe pure peggiorare.

Intanto la questione migratoria è quella più lampante sotto questo fronte: migliaia di richieste impossibili da esaminare creare un grave danno di immagine per lo Stato tedesco, ma anche di problemi relativi all’ordine pubblico per via di una sempre più massiccia presenza di migranti che per anni non conoscono il proprio destino.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.