Il presidente della Liberia, George Weah, ha chiesto la rimozione di una clausola “razzista” presente nella costituzione che limita la cittadinanza soltanto ai neri. La clausola era “non necessaria, razzista e inappropriata”, ha detto l’ex-star del calcio nel suo primo discorso sullo stato della nazione da quando è stato eletto presidente. Si è anche impegnato ad abolire la legge che proibisce agli stranieri di possedere terra.

La Liberia è stata fondata da schiavi statunitensi liberati nel 1847 come “un rifugio per uomini liberati di colore”. La sua costituzione definisce i neri come “persone che sono negri o di discendenza negra”. Altre comunità, come i circa 4.000 libanesi che hanno vissuto in Liberia da generazioni, sono escluse dalla cittadinanza e, per estensione, dalla proprietà terriera.

“Le restrizioni introdotte all’epoca non sono più necessarie”, ha affermato Weah, aggiungendo che voleva anche abolire “il divieto di doppia cittadinanza”. “Lo stato attuale è in contraddizione con la definizione stessa di Liberia, che deriva dalla parola latina “liber”, che significa” libertà”, ha affermato.

In Liberia le opinioni su queste riforme sono le più svariate: alcuni ritengono che il cambiamento proposto sia in ritardo; altri non lo considerano una priorità e vogliono vedere soprattutto un intervento per ridurre il costo della vita.

La storia di Weah è insolita e nello stesso tempo straordinaria. Weah, il giocatore dell’anno FIFA 1995, è la prima ex stella dello sport ad essere eletta presidente. Ha vinto le elezioni a dicembre con una valanga di voti, sconfiggendo il vicepresidente Joseph Boakai. L’ex giocatore del Milan e del Chelsea è subentrato a Ellen Johnson Sirleaf, la prima donna presidente eletta in Africa e premio Nobel per la pace, che si è dimessa dopo due mandati.

Anche Sirleaf ha i suoi estimatori e detrattori: è stata applaudita per aver consolidato la pace nel paese, ma è stata criticata per non aver affrontato la corruzione o per non aver fatto molto per distribuire guadagni economici oltre la sua cerchia di amici.

Certo la Liberia è un paese difficile. Ha sofferto guerre civili dal 1989 al 2003 che hanno ucciso centinaia di migliaia di persone. Poi, mentre si stava riprendendo negli ultimi dieci anni, è stata colpita dai prezzi bassi per le esportazioni principali, il ferro e la gomma, e un’epidemia di Ebola tra il 2014 e il 2016.

Ma Weah promette una riscossa. Nel suo discorso in parlamento, ha anche annunciato che avrebbe ridotto il suo stipendio del 25% in quanto il governo e l’economia sono “al verde”. Ciò che verrà risparmiato sarà impegnato in un fondo di sviluppo per la Liberia. “La nostra valuta è in caduta libera, l’inflazione sta aumentando, la disoccupazione è ad un livello senza precedenti e le nostre riserve estere sono ai minimi storici”, ha spiegato.

Ha chiesto ai parlamentari di “seguire l’esempio” e accettare un taglio di stipendio. “Ricordiamoci che siamo stati eletti per servire il popolo liberiano e non per essere loro padroni”, ha detto in un discorso interrotto da un fragoroso applauso.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.