Tra gli Stati Uniti e la Cina spunta una sagoma non ben definita. È l’Europa che cerca di prendere posizione in merito al caso Huawei, appendice della lunga guerra commerciale sino-americana. Da un punto di vista politico l’Unione Europea è spaccata, divisa. Sulla scelta di vietare o meno l’utilizzo di apparecchiature tlc Huawei per la rete 5G, ogni Stato adotta il proprio punto di vista e questo non agevola certo i tentativi di presentarsi alla sfida cinese dietro le insegne di un fronte unito.

La terza via dell’Europa

L’Europa vorrebbe fare da pacere, magari adottare l’arma della diplomazia per ricongiungere Washington e Pechino. Ma il castello di sabbia europeo cade di fronte al 5G, dove la situazione è frammentata. L’Ue non ha intenzione di copiare la mossa di Trump, che ha bannato Huawei inserendo l’azienda cinese nella entity list; dall’altra parte Bruxelles non vuole neppure far finta che non esista un pericoloso in materia di sicurezza informatica e in fatto di pratiche commerciali sleali.

Un percorso condiviso

I governi dei membri dell’Unione Europea stanno cercando di imboccare lo stesso percorso, ma come fa notare Bloomberg la strada è in salita. Di sicuro entro fine giugno qualcosa dovrà succedere perché in quel periodo gli Stati dell’Ue dovranno completare la prima fase di un progetto teso a rafforzare la sicurezza mobile della regione. Le parole d’ordine saranno definire gli standard tecnici comuni e condividere informazioni sensibili per la sicurezza nazionale. Qui ci ricolleghiamo al tema del 5G: l’Europa deve infatti adottare una chiave di lettura omogenea riguardo Huawei.

Troppo frammentati

Le informazioni raccolte dai servizi di intelligence dei vari Paesi su Huawei sono frammentate e complementari. Nessuno vuole condividere le proprie notizie con gli altri partner, chi per paura di perdere il controllo della situazione e chi per ragioni geopolitiche. Eppure condividere l’intelligence dovrebbe essere il primo passo che l’Europa avrebbe bisogno di fare per iniziare a smarcarsi dall’influenza statunitense e iniziare a ragionare con la propria testa. E secondo la propria convenienza.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.