C’è sempre maggiore intesa fra la Campagna di Biden e una fetta di repubblicani “neoconservatori” ostili al Presidente Donald Trump. Come riporta il Daily Beast, infatti, la Campagna dell’ex vicepresidente sta espandendo i contatti con alcuni repubblicani, al fine di colpire il presidente uscente su un punto preciso: la Cina. Il team del candidato dem vuole attaccare Trump sull’accordo commerciale che ha siglato con il presidente cinese Xi Jinping, un patto che secondo i democratici non costringe Pechino ad acquistare una quantità significativa di merci americane. E dietro le quinte, alcuni “falchi” del Gop stanno dialogando incessantemente con i membri della campagna dell’ex vicepresidente. Secondo i dem, infatti, Pechino non starebbe onorando l’accordo raggiunto con il tycoon come dovrebbe.

Intesa fra i “falchi” repubblicani e il team di Biden

“L’accordo è stato pessimo sin dall’inizio. Nessuno pensava che avrebbe costretto la Cina a fare qualcosa”, ha rimarcato un repubblicano che ha dialogato con i membri del team di Biden nelle ultime settimane. “Ora tutto ciò che resta da fare è che l’amministrazione ritiri l’accordo. C’è potenziale con Biden, per iniziare una politica commerciale da zero. E per farla meglio”. Tre persone che lavorano per think tank “neocon” a Washington hanno riferito al Daily Beast di aver dialogato informalmente con i membri del team di Biden nelle ultime settimane sui presunti fallimenti dell’accordo commerciale, in particolare sull’incapacità di individuare e accusare Pechino come responsabile di attacchi informatici e furto di proprietà intellettuale. Per il team Biden, la gestione dell’accordo commerciale da parte dell’amministrazione Trump ha fatto “precipitare la produzione americana in una recessione” e “ha devastato il cuore dell’agricoltura americana”, ha detto Andrew Bates, un portavoce della campagna di Biden.

I dissidenti “neocon” contro Trump

All’inizio di luglio, un gruppo di ex funzionari dell’amministrazione di George W. Bush ha lanciato un nuovo super Pac a sostegno del candidato presidenziale democratico Joe Biden. Il gruppo, 43 Alumni for Biden, ha reclutato almeno 200 ex funzionari della Casa Bianca, aiutanti della campagna e segretari di gabinetto che hanno lavorato nell’era Bush con un solo obiettivo: sconfiggere Donald Trump. Kristopher Purcell, che ha lavorato all’Ufficio delle comunicazioni alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato durante l’amministrazione Bush, ha spiegato che molti dei membri del gruppo si considerano ancora repubblicani, ma vedono la necessità di sconfiggere Trump al di là della loro visione personale.

In una dichiarazione, Erin Perrine, direttore della comunicazione stampa della campagna Trump, ha detto che “questa è la palude – ancora una volta – che cerca di abbattere il presidente eletto”. “Il presidente Trump è il leader di un partito repubblicano unito che ha guadagnato il 94% dei voti repubblicani durante le primarie – risultato che un qualsiasi ex presidente di un qualsiasi partito poteva solo sognare”, ha rimarcato. A dirla tutta, gli anti-Trump non sono dei “repubblicani scontenti” ma dei “Never Trumpera” che mai hanno digerito l’elezione del tycoon alla Casa Bianca e hanno sostenuto – o almeno una una parte di essi – Hillary Clinton alle scorse elezioni presidenziali. Tra questi troviamo i falchi del Lincoln Project e Bill Kristol, sostenitore della guerra contro l’Iraq, giornalista e fondatore, insieme a Robert Kagan – noto neoconservatore – Dick Cheney e Donald Rumsfield, di Project for the New American Century (Pnac), istituto di ricerca con sede a Washington, Dc. “Alcuni falchi democratici possono vedere i neoconservatori come alleati nel preservare una mentalità interventista obsoleta”, spiega a the American Conservative Matt Duss, che è il consigliere di politica estera del senatore Bernie Sanders e mantiene stretti legami con la campagna democratica. “E ovviamente i neocon sono alla disperata ricerca di qualsiasi opportunità per salvare la propria rilevanza”. E Joe Biden sembra essere l’approdo perfetto per i Never Trumpers.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.