Sembrava fosse addirittura in pericolo di vita, ma sta superato la prova del Covid-19 alla grande, dando una lezione al mondo di come si possa affrontare una malattia pericolosa senza sprofondare nel panico. “Non abbiate paura di Covid”, ha spiegato Donald Trump in un video-messaggio pubblicato su Twitter, uscito dal Walter Reed National Military Medical Center. “Non lasciare che domini la tua vita. Abbiamo sviluppato, sotto l’amministrazione Trump, alcune cure e conoscenze davvero eccezionali”. Ha poi aggiunto: “Mi sento meglio rispetto a 20 anni fa!”. Il messaggio del presidente Usa è chiaro: non permettiamo che un virus possa stravolgere la nostra vita. Cerchiamo di conviverci, con le giuste e sacrosante precauzioni. Ma non smettiamo di vivere e non permettiamo che le nostre vite sprofondino nel panico, che non è mai utile.


Un messaggio che è piaciuto anche ad alcuni suoi “avversari”, come l’ex reporter del New York Times Alex Berenson: “Per troppo tempo abbiamo lasciato che questo virus – e l’isteria dei media al riguardo – ci dominassero”, ha scritto Berenson. “Dobbiamo riprenderci le nostre vite, le nostre scuole e il nostro intero mondo”. Quello di Trump, ha rimarcato, “è un messaggio davvero presidenziale”.

Trump arriva alla Casa Bianca e si toglie la mascherina

Il presidente Trump è stato dimesso dal Walter Reed National Military Medical Center ed è tornato alla Casa Bianca lunedì sera per continuare la sua lotta contro il coronavirus, dopo che il suo team medico ha avvertito che “potrebbe non essere ancora completamente fuori pericolo”. Vestito con giacca e cravatta blu scuro e indossando una mascherina nera, Trump è uscito da Walter Reed da solo. Uscendo dalle porte dell’ospedale, ha salutato i cronisti presenti mentre saliva su un Suv nero per dirigersi verso Marine One. La preoccupazione principale del presidente Usa è la campagna elettorale, non la malattia. In un tweet ha scritto: “Torneremo presto sul sentiero della campagna” sottolineando che i sondaggi che lo danno dietro allo sfidante Joe Biden sono “falsi”. Arrivato alla Casa Bianca, il presidente è uscito sul balcone che si affaccia sul South Lawn, circondato da bandiere americane: salutando gli ufficiali militari presenti e i cronisti si è simbolicamente tolto la mascherina e se l’è messa in tasca, per rimarcare il suo messaggio contro la paura.

“Indossate la mascherina”

L’avversario democratico Joe Biden ha subito ripreso “sfruttato” questo gesto di Trump, ampiamente criticato dai media americani, per sottolineare, in un post sui social, come sia fondamentale “indossare le mascherine” per contrastare la diffusione del Covid-19. Il presidente è tornato alla Casa Bianca dopo che il suo medico, il dottor Sean Conley, ha ospitato una conferenza stampa che descriveva i progressi e le condizioni del presidente mentre combatteva contro il coronavirus. “Il presidente potrebbe non essere ancora del tutto fuori pericolo”, ha detto Conley, sottolineando però che sarà circondato da personale medico “24 ore su 24, 7 giorni su 7”. Conley ha aggiunto che il presidente ha soddisfatto “la maggior parte dei suoi requisiti” per essere dimesso domenica pomeriggio. “Cerchiamo di portare i pazienti fuori dall’ospedale il più rapidamente possibile”, ha detto Conley. “Non c’è niente da fare qui che non possiamo fare in sicurezza a casa”. Conley ha anche detto ai giornalisti lunedì che il presidente non prende medicine per ridurre la febbre da oltre 72 ore.

Come nota il The Federalist, e come lo stesso presidente ha accennato nei suoi post sui social media post-diagnosi, è risaputo che il coronavirus colpisce duramente gli anziani. Trump ha 74 anni. Eppure, anche nella sua fascia d’età, sopravvivere alla malattia, è la norma, non l’eccezione. Secondo le stime del Centers for Disease Control, gli americani di età pari o superiore a 70 anni, per il 94,6% riescono a sopravvivere al coronavirus. Altri Paesi hanno tassi di sopravvivenza più o meno simili.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.