Non è bastata l’introduzione anticipata delle misure di lockdown per salvare il Natale ai cittadini tedeschi. Nella sua conferenza stampa, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha annunciato che le misure in vigore verranno prolungate fin dopo il Natale, spegnendo le speranze di molte famiglie tedesche. Alla base della decisione, ci sarebbe la curva dei contagi che fatica a stabilizzarsi e la preoccupazione che i fitti incontri del periodo natalizio potrebbero portare più rapidamente il Paese a una terza ondata.

In queste ultime settimane che (forse) separano i cittadini più fragili dalla possibilità di accedere ai promessi vaccini, la possibilità che la curva dei contagi si impenni nuovamente è una situazione che il governo federale tedesco è intenzionato del tutto a scongiurare. Per tutelarsi maggiormente, inoltre, negli ultimi giorni sono state addirittura abbassati i limiti per gli incontri privati, che potranno avvenire tra non più di cinque persone appartenenti ad al massimo due nuclei familiari distinti. E in questo scenario, dunque, tutte le speranze dei tedeschi di poter trascorrere un Natale tradizionale sono state definitivamente accantonate, per lasciare spazio ad un dicembre quanto mai caratterizzato dalle privazioni affettive.

Scuole aperte (ma vacanze sconsigliate)

Fermo restando la possibilità per i singoli Lander di introdurre misure maggiormente restrittive, in Germania si è deciso di continuare a seguire la via delle scuole aperte, a chiaro segnale di come la pandemia non debba colpire oltremodo le fasce più giovani della popolazioni. Mascherine obbligatorie nelle condizioni di maggiore esposizione, ma scuole che dunque rimarranno aperte sino ad almeno il periodo di vacanze natalizie.

Bar e ristoranti, invece, continueranno a rimanere chiusi, in quanto identificati tra quelle attività commerciali che maggiormente favoriscono la propagazione del patogeno, così come le palestre, le sale giochi, i cinema ed i teatri. Aperti, invece, rimarranno i parrucchieri e i negozi di genere, fatto salvo il rispetto delle limitazioni imposte agli accessi per la salvaguardia della salute delle persone.

Anche per quanto riguarda gli spostamenti festivi il governo federale della Germania ha consigliato estrema attenzione, considerando anche come proprio dalle vacanze potrebbero nascere cluster e focolai dalla più complicata circoscrizione. E soprattutto, massima allerta per quanto riguarda l’isolamento cautelativo qualora si rilevino i sintomi che potrebbero essere ricondotti ad un possibile episodio di contagio.

Aspettando il Natale

Tuttavia, la stessa Angela Merkel ha preventivato la possibilità che le misure possano essere leggermente attenuate dal 23 dicembre in avanti, quando salvo colpi di scena i limiti per gli incontri tornerà ad essere di dieci persone (bambini esclusi). Tuttavia, ciò sarebbe consigliato soltanto nelle situazioni di duraturo isolamento personale precedente e successivo agli incontri e dovrebbe essere favorito anche dalle misure di lavoro agile messo in campo dalle società tedesche.

A preoccupare la Germania, però, non sarebbero solamente a questo punto le implicazioni sanitarie causate dalla pandemia ma anche il grado di tenuta dell’economia tedesca, con il settore del commercio destinato a subire un colpo difficile da assorbire nel breve periodo. Soprattutto per la categoria dei commercianti e dei rivenditori all’ingrosso, che vedono provenire dalle complicazioni negli incontri personali un drastico calo del fatturato causato da un minor numero di regali attesi. E tutto questo mentre il settore ristorativo, tradizionalmente molto attivo nel periodo delle feste, ha visto il suo blocco nuovamente prolungato a causa dei rischi di contatto con individui positivi.

Uno scenario drammatico, dunque, che conferma però quelle che erano state le preoccupazioni messe in evidenza sin da inizio anno e che arrivano in un momento delicato anche per quello che riguarda lo status emotivo delle persone. E se il ringraziamento della stessa Merkel in diretta televisiva per il comportamento tenuto dalla popolazione tedesca forse potrà servire da incoraggiamento, difficile che esso possa essere in grado di risollevare le sorti dell’economia della Germania.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.