Per anni Elvira Karaeva ha vissuto fianco a fianco con i jihadisti. Prima in Caucaso, poi nei territori controllati dallo Stato islamico. Elvira era una spia dei servizi segreti russi: l’Fsb. Il suo nome da infiltrata era “Sumayah”. Secondo le informazioni diffuse dai suoi capi avrebbe ucciso 8 islamisti: 7 uomini e una donna. Scrivono i jihadisti su Istok, la loro rivista: “I nostri fratelli mujaheddin e le nostre sorelle che l’hanno aiutata sono diventati martiri per mano sua”.”Sumayah”, ovvero Elvira, è stata uccisa dagli uomini di Al Baghadi e la sua storia è stata raccontata prima da Istok , la rivista in lingua russa dell’Isis, e infine è stata ipresa dal Corriere.Il lavoro della Karaeva è stato preciso e meticoloso: ha raccolto informazioni sensibili, fotografato le case dei jihadisti, depositi di munizioni e volti dei terroristi. Il tutto in segreto. Dividendosi tra forze islamiste e Fsb. Vicende che richiamano alla memoria Lo scudo e la spada.”Sumayah” si era sposata con un guerrigliero ceceno, copertura sicura per monitorare gli islamisti. Ha vissuto con lui per anni e, forse proprio a causa sua, si è trasferita nei territori controllati dalle bandiere nere e dove si trovano altri uomini dell’Fsb. È da qui che Elvira invia le informazioni più preziose, tanto da insospettire i terroristi.Viene presa e torturata, ma resiste. La sorvegliano, la rispettano (strano a dirsi), forse perché la stimano. Un capo islamista dell’Inguscezia prova a metterla in difficoltà attraverso una registrazione. “Sumayah” viene interrogata e torturata. Ma resiste ancora una volta. Gli islamisti sembrano crederle. Infine viene scoperta. Le fonti non dicono come. Dicono solo che Elvira è stata inchiodata con un “trucco”. Quale? Solo i jihadisti lo potranno dire. Un “fratello” musulmano le spara nella nuca, poi il suo corpo viene gettato in un deposito di rottami: “La giusta punizione per coloro che osano sfidare la religione di Allah”. 

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.