Nei memorandum d’intesa fra Italia e Cina ci sono molte cose che agli Stati Uniti non piacciono. Non voleva che fossero inserite nell’accordo: eppure ci sono. Ed è soprattutto per questo motivo che da Washington sono arrivate molte critiche. E adesso rischia di incrinare i rapporti fra Italia e Stati Uniti, ma soprattutto fra questo governo e l’amministrazione Trump che, al contrario, si era spesa più volte in favore dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte.

La Casa Bianca aveva offerto il suo sostegno a Palazzo Chigi proprio perché isolata dal resto dell’Unione europea e in grado di costruire un ponte fra Mosca e Washington. Ma questo accordo non la convince. E ora, da Washington, meditano alcune contromisure.

Quello che è apparso chiaro da subito è che il memorandum siglato fra Italia e Cina, di fatto è una vittoria d’immagine per il governo cinese. Incassa l’ok di un Paese Nato, G7 e alleato Usa per la Nuova Via della Seta e dà uno schiaffo morale alla strategia globale dell’amministrazione americana. Xi Jinping è stato accolto in Italia con tutti gli onori, prima tappa di un tour europeo che lo vedrà anche a Monaco e Parigi. E i vari accordi firmati da Roma e Pechino, di fatto sono per un volume ridotto di affari ma chiaramente contrari a quanto chiesto da parte americana.

Gli Stati Uniti avevano dato una prima indicazione molto chiara: negli accordi non dovevano inseriti i porti di Trieste e Genova. E invece, negli accordi, ci sono entrambi. Tra i 29 accordi ci sono anche quelli per Genova, Trieste e Monfalcone, i tre obiettivi della strategia navale cinese nel Mediterraneo. L’aut aut americano non è stato però ascoltata da quella parte di governo che ha voluto a tutti i costi siglare l’accordo.

E ora al Dipartimento di Stato Usa e al Pentagono sono molto irritati.  Gli accordi – seppur generici – conclusi da Pechino attraverso il colosso pubblico China Communication Construction Company (Cccc) fanno mettere alla Cina un piede all’interno dei due hub italiani, quello ligure e quello adriatici.Ed è soprattutto Trieste, come spiegato su questa testata, a preoccupare molto gli Stati Uniti. Il porto giuliano è al centro della strategia cinese per la Via della Seta marittima in Europa. Ma lì, Washington ha una base navale e soprattutto, non lontano, c’è la base di Aviano.

Un problema non di poco conto. Ma non è l’unico. Perché l’altro diktat americano e della Nato riguardava il 5G. il memorandum fra Italia e Cina ha un paragrafo che lascia spazio a molti dubbi dalle parti di Bruxelles e Washington. Nel paragrafo due, punto due si legge: “Le parti collaboreranno nello sviluppo della connettività infrastrutturale, compresi aspetti quali le modalità di finanziamento, interoperabilità e la logistica, in settori di reciproco interesse (quali strade, ferrovie, ponti, aviazione civile, porti, energia e telecomunicazioni)”.  E come riporta La Stampa, la sigla “5G” non c’è, ma è come se ci fosse. Una mossa che non è affatto piaciuto ai partner atlantici. L’ennesima di quest’ultimo periodo che ha segnato un solco non così minimo nelle relazioni italo-americane. Ed è anche per questo che a Roma qualcuno ha iniziato a muovere le fila per evitare un tracollo dei rapporti.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.