Il portavoce del Ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, accusa la Coalizione guidata dagli Stati Uniti di crimini di guerra in Iraq. L’episodio in questione è il bombardamento di venerdì scorso a Daquq, cittadina che si trova a circa 30 km a sud di Kirkuk, dove due velivoli militari avrebbero colpito un funerale uccidendo almeno 15 persone e ferendone una cinquantina.LEGGI ANCHE: La Stalingrado del Medio OrienteKonashenkov ha reso noto che i radar russi avevano identificato due velivoli in fase di attacco nella zona citata, ma senza registrare la presenza di jihadisti dell’Isis e aggiungendo che attacchi di questo tipo avvengono frequentemente ad opera di aerei della Coalizione.La Combined Joint Task Force (CJTF), che coordina le operazioni military della Coalizione in Siria e Iraq, ha dichiarato di non avere prove del fatto che propri velivoli siano responsabili dei bombardamenti a Daquq.Intanto la scorsa settimana fonti irachene rendevano noto che Ryan al-Kildani, a capo delle milizie irachene Al-Hashd al-Shaabi, aveva protestato dopo che le milizie dell’Isis, in fuga da Mosul verso la Siria, non erano state prese di mira dagli aerei della Coalizione.Le dichiarazioni di al-Kildani si riallacciano a un presunto accordo citato da fonti russe, raggiunto tra Washington e Riyadh per garantire il passaggio di novemila jihadisti da Mosul verso la Siria orientale per utilizzarli contro Assad e Mosca.LEGGI ANCHE: La resistenza dello Stato islamicoLe medesime fonti affermavano inoltre che non solo gli aerei della Coalizione avrebbero prevalentemente colpito edifici e zone disabitate di Mosul, ma che il presidente uscente Barack Obama avrebbe addirittura un’operazione di terra per liberare Mosul, da effettuarsi in ottobre.[Best_Wordpress_Gallery id=”323″ gal_title=”Prosegue la battaglia di Mosul”]Curiosamente però, lo scorso 17 settembre, aerei di Washington avevano colpito “per errore” ma con estrema precisione truppe regolari siriane a Deir ez-Zor che stavano contrastando l’Isis. Nei bombardamenti sono morti 83 soldati siriani e più di cento sono rimasti feriti.banner_cristianiFonti statunitensi da tempo affermano invece che tali dichiarazioni non sono altro che propaganda mediatica iraniana e russa per screditare le attività anti-Isis della Coalizione. Certo è che ci sono più di 150 km tra Mosul e il confine siriano, non dovrebbe dunque essere difficile per gli aerei della Coalizione poter identificare e distruggere i convogli dei jihadisti.È quanto si augura Mosca:“Speriamo che i nostri partner della Coalizione internazionale si rendano conto di quali sarebbero le conseguenze del lasciar scorazzare per il Medio Oriente bande di jihadisti. I terroristi devono essere distrutti a vista e non inseguiti da un Paese all’altro”, ha dichiarato il Generale Valery Gerasimov.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.