Il mondo cambierà Trump più di quanto Trump cambierà il mondo“, scriveva in tempi non sospetti il direttore di Limes Lucio Caracciolo nell’editoriale di apertura al numero di dicembre 2016 della rivista di geopolitica, interamente dedicata alle reazioni planetarie alla sorprendente elezione del Tycoon newyorkese alla presidenza degli Stati Uniti. A sette mesi dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca, si può constatare quanto l’analisi di Caracciolo fosse azzeccata e, soprattutto, è importante osservare quanto il peso dei contropoteri, delle tecnostrutture burocratiche e dei tradizionali apparati di potere abbia definitivamente schiacciato l’attuale amministrazione, spinta a rinnegare completamente la piattaforma di partenza che ha portato alla sorprendente vittoria di Trump alle elezioni di novembre.

Poco dopo esser stato estromesso dal ruolo di Chief Strategist della Casa Bianca, l’ex direttore di Breitbart Steve Bannon ha constatato come a suo parere la presidenza Trump fosse da ritenersi di fatto “finita” a soli sette mesi dal suo insediamento: la defenestrazione di Bannon ha infatti portato al completo smantellamento della cerchia ristretta di Trump e al totale controllo delle figure facenti riferimento ai tradizionali apparati di potere, per la precisione al complesso militare-industriale, sugli sviluppi futuri dell’amministrazione. Tale ipotesi è suffragata da Fulvio Scaglione,  il quale in un articolo scritto su Linkiesta ha argomentato come il licenziamento di Bannon abbia sancito la fine della presidenza “per cui gli elettori spuntati dalla penombra dell’America profonda avevano votato: nazionalista in economia, isolazionista, attenta alle ragioni dei lavoratori, meno disposta a fare, con gli esiti che conosciamo, il gendarme (spesso non richiesto) del mondo”. 

A soppiantare l’amministrazione Trump emersa come reazione dei flyover States all’egemonia politica, economica e culturale delle metropoli costiere è intervenuto un blocco di potere al cui interno gli elementi facenti riferimento alle forze armate, alle alte sfere del Pentagono, sono attivamente sostenuti dagli esponenti dell’alta finanza e dei principali gruppi industriali a stelle e strisce. E così, mentre la triade di generali Kelly-McMaster-Mattis tiene sotto tutela l’agenda geopolitica di Washington, ispirando un rinfocolamento dell’interventismo tanto caro ai falchi neoconservatori, a gestire le politiche economico-finanziarie è un team presieduto dal Segretario del Tesoro Steven Mnuchin, ex Chief Information Officer di Goldman Sachs, e dal direttore del National Economic Council Gary Cohn, che di Goldman Sachs fu vice-direttore generale.

Ci si può interrogare a lungo sulle motivazioni che hanno spinto Trump a cedere in maniera tanto netta al peso degli apparati e alle pressione dei principali centri di potere di Washington: sicuramente non ha contribuito lo scarso feeling venutosi a creare tra il Presidente e il Partito Repubblicano, che ha spinto Trump a cercare sostegno in organizzazioni e strutture fortemente radicate nelle stanze dei bottoni, mentre la volubilità dello stesso Trump e la sua sostanziale impreparazione politica hanno sicuramente giocato un ruolo importante. 

Una presidenza che si proponeva come fattore di rottura e discontinuità è stata completamente sommersa dagli alfieri della globalizzazione neoliberista e dell’egemonia unipolare statunitense, paradigmi portati avanti con pervicace tenacia nel corso dall’amministrazione Bush nel corso dei primi Anni Duemila prima che i disastri geopolitici statunitensi in Medio Oriente e il tracollo finanziario del 2007-2008 intervenissero a segnare un deciso arresto ai paladini dell’eccezionalismo americano e del destino manifesto. Ora, il “tradimento di Trump”, come è stato definito da Finian Cunningham di Russia Todayapre la strada a un periodo di incertezza, dato che i precedenti storici non inducono a sensazioni positive al pensiero che i centri nevralgici del potere di Washington siano tornati sotto il controllo dei fautori dei regime change e della più selvaggia deregulation finanziaria. 

Mentre la presidenza Trump diventa un avatar degli indirizzi politici dei vertici del Pentagono e di Wall Street, è sorprendente constatare come i principali media di indirizzo liberal, osservino con soddisfazione l’abdicazione del loro arcinemico al complesso militare-industriale di cui, a parole, si sono storicamente professati rivali: un editoriale del New York Times, lo scorso 19 agosto, sottolineava come la triade di generali Kelly-McMaster-Mattis rappresentasse la migliore assicurazione affinché Trump non uscisse completamente “fuori dai binari”. 

Liberal Neocon ineditamente alleati, dunque, nel tiro al bersaglio contro l’imbelle presidenza Trump, oramai in totale balia degli avvenimenti e letteralmente “commissariata” a soli sette mesi dal suo insediamento: lungi dal rappresentare un’anomalia, questa alleanza segnala quanto gli apparati di potere di Washington  e i tradizionali centri d’influenza percepiscano il precipuo declino della superpotenza statunitense e ritengano vitale mettere in atto misure volte a rilanciarne l’influenza nel mondo in campo politico, economico, militare. L’idea che ciò possa significare un accrescimento dell’instabilità geopolitica planetaria e l’estremo tentativo di rilanciare una serie di progetti già bocciati dalla storia più recente non li tocca minimamente: la loro miopia nei confronti del passato è sormontata esclusivamente dalla quasi completa cecità politica dell’attuale Presidente.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.