Gli Stati dell’Africa fanno sul serio nella lotta al terrorismo e alla tratta di migranti. Non appena iniziato il processo di definizione della missione del G-5 Sahel contro il traffico di migranti e contro il terrorismo di matrice islamica, il nord del Mali è già divenuto teatro della prima campagna, denominata “Haw Bi”. Partita il 28 ottobre tra scetticismo e grandi speranze, la missione vede la partecipazione degli eserciti di Mali, Ciad, Niger, Burkina Faso e Mauritania, adesso impegnati nell’area al confine fra Niger, Burkina Faso e Mali. L’area è estremamente complessa e quello che si trovano a dover affrontare le truppe delle forze africane è un nemico molto più difficile di quanto si possa credere. Parliamo di aree in cui i confini sono permeabili, le forze ribelli e jihadiste difficilmente individuabili, e dove non esistono Stati con governi in grado di garantire un controllo certo del territorio. L’autorità statale è labile e gli eserciti in campo combattono un nemico feroce e che si abbevera da fonti di denaro e di uomini potenzialmente illimitata. E l’obiettivo della missione è proprio quello, interrompere il flusso che li rende forti e sconfiggerli sul campo di battaglia.

La jihad qui è una realtà già da anni, ma solo adesso il mondo sembra accorgersene. “Registriamo i primi indizi di coordinamento tra diversi gruppi. Ciò rappresenta chiaramente una minaccia per le forze partner e per noi stessi”, queste le parole del colonnello Marc Antoine delle Forze francesi dell’Operazione Barkhane. La Francia è in prima linea nel supporto e nella sponsorizzazione di questa missione. E del resto, non potrebbe essere altrimenti. Sono troppi gli interessi in gioco per Parigi per non intervenire in modo molto incisivo nell’area del Sahel. Insieme agli Stati Uniti e alle Nazioni Unite, la Francia occupa un posto di primo piano in questa missione e considera il G-5 Sahel un’opportunità per dimostrare di poter avere un peso specifico molto più grande nell’intero panorama africano, dopo anni in cui sembrava che la politica estera francese dovesse ridursi a livello regionale. E i 4mila soldati francesi impegnati nelle varie operazioni in Africa occidentale, dimostrano in modo inequivocabile la volontà di Parigi di considerare il Sahel e gli Stati di quella fascia africana come un’area di sua competenza.

Il colonnello Antoine delle truppe francesi si è dimostrato molto preoccupato dalla gravità della situazione: “Tra i segnali abbiamo prove di scambi tra combattenti di competenze diverse, ma anche di aiuti negli approvvigionamenti via terra”. C’è una rete molto più radicata e forte rispetto a quella che si credeva di poter contenere soltanto attraverso il peacekeeping. I gruppi islamisti dell’area si sono rafforzati, compici Stati senza autorità effettiva, organizzazioni criminali feroci e legate agli stessi politici locali e infine, non ultimo, grazie anche all’espansione culturale, economica e militare dello Stato islamico e di Al Qaeda nell’area. Il jihad, grazie a queste grandi organizzazioni terroristiche e i suoi legami col mondo salafita, ha avuto in Africa un terreno molto fertile in cui radicarsi e crescere.

A preoccupare in particolare le forze francesi è il Gruppo di sostegno all’islam e ai musulmani, una coalizione di sigle terroristiche costituita lo scorso marzo dal capo terrorista ed indipendentista tuareg, Iyad Ag-Ghaly, di cui sono noti i legami con Al Qaeda e con diversi gruppi terroristi anche in Asia centrale. E preoccupa anche l’ascesa incontrastata, almeno fino ad ora, dello Stato islamico, che ha avuto l’adesione formale, nel 2015, dell’organizzazione terroristica di Boko Haram, che è entrata a far parte del Califfato dell’Africa occidentale. I due gruppi del terrore, Stato islamico e Al Qaeda, non sono sempre stati in rapporti amichevoli nella regione dell’Africa sub-sahariana. Al contrario, le loro milizie hanno avuto fra loro scontri armati di non poco conto nel panorama regionale. Ma ora le cose sembra stiano cambiando, complice l’evoluzione della guerra in Siria e in Iraq e l’indebolimento generale del Daesh come entità territoriale. A testimoniare questo patto del terrore, i due attacchi coordinati contro i militari maliani a Bourem. Ed è questo coordinamento a destare le maggiori paure all’interno del quartier generale delle forze del G-5 Sahel, perché dimostrerebbe non solo la capacità di unificare le forze da parte delle più grandi sigle terroristiche mondiali, ma anche la difficoltà a questo punto anche militare di contrastare lo jihadismo africano. I 5mila uomini della missione, una volta entrata a pieno regime, potrebbero non bastare. E non è un caso che la Francia stia chiedendo agli Stati Uniti di unirsi negli sforzi della missione.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.