È un periodo di grandi cambiamenti non solo in Europa (si veda la voce Brexit), ma anche in Italia (Mario Draghi è ormai prossimo a diventare presidente del Consiglio). Cosa sta accadendo davvero? Ne abbiamo parlato con il professor Arduino Paniccia, analista e presidente della Scuola di guerra economica e competizione internazionale.

Professore, partiamo dalle basi: qual è la differenza tra Europa e Unione europea?

C’è una differenza tra le due. Intanto è utile individuare una triade composta da tre concetti distinti: le democrazie, molto vive nel mondo anglo-sassone, il nuovo esperimento tecnocratico dell’Ue e le autocrazie che oggi condividono l’Eurasia, e in cui ormai mettiamo dentro anche la Turchia. Nel mondo anglo-sassone inseriamo anche l’India, che sta riscoprendo una radice di democrazia. Nuova Delhi ha scelto di non seguire le autocrazie dell’Eurasia, e la sua è una scelta tanto complessa quanto molto interessante. L’Europa sta sperimentando una forma tecnocratica che è assolutamente nuova e diversa, i cui risultati, per il momento, non sono però molti confortanti. La tecnocrazia non può esistere in modo a sé stante, si basa su un asse: quello franco-tedesco, che ha dato via, assieme ai Paesi satelliti – a partire da quelli del Nord – alla tecnocrazia in cui viviamo oggi. È un esperimento che avrebbe dovuto assicurare, da Maastricht in poi, la stabilità sociale, la difesa comune e la crescita attraverso la moneta comune. Mi pare che questi obiettivi non siano stati raggiunti.

Ad esempio?

La difesa comune è inesistente, vi è solo un tentativo dello Stato maggiore francese di far diventare la difesa comune europea una spina nel fianco degli Stati Uniti. La base del patto asse-tedesco non è solo economico ma di potenza: i francesi hanno la bomba atomica, possono usarla quando vogliono e, allo stesso tempo, coprono i tedeschi con un ombrello. L’Ue si è involuta in una autoalimentazione burocratica sempre più forte. L’Ue è spaccata: c’è un Nord che segue una sua strategia condizionata dall’asse franco-tedesco e c’è poi un Mediterraneo nel quale si vede il vuoto lasciato da varie potenze e che è stato riempito da Russia e Turchia, due Paesi sempre meno amici dell’Ue.

Chi sono allora gli amici dell’Unione europea?

L’Ue è un alleato misterioso degli Stati Uniti, visto il rapporto con i cinesi. Sostanzialmente oggi l’Ue è divisa in due: ha un vuoto in un’area pericolosissima, non è più amica degli Usa, non è amica dei cinesi se non in modo obliquo, è in conflitto latente con Russia in Ucraina, ed è alle corte con Recep Tayyip Erdogan che pensavamo di comprare con quattro soldi. La Gran Bretagna è uscita dall’Ue, in Spagna la Catalogna voleva fare una secessione, l’Italia è spaccata, i Balcani sono un punto interrogativo, a est c’è il Patto di Visegrad mentre le Repubbliche baltiche vivono con la paura dei russi. Il quadro non è affatto entusiasmante.

Raccontata in questi termini, l’Unione europea sembra più morta che viva…

L’Unione europea esiste, seppur in queste condizioni. L’Italia è lo specchio di molte delle vicende più generali. Come il nostro Paese, l’Ue ha bisogno urgente di una revisione totale della sua politica di difesa e di alleanze, nonché di una revisione dei rapporti economici perché si trova nel mezzo di una guerra economica. In più, l’Ue non è attrezzata militarmente. Deve fare scelte strategiche vere che la tecnocrazia non è in grado di fare. La pandemia ha inoltre mostrato che il re è nudo. Il Covid è stato l’acceleratore di un processo di decrescita e di crisi latente nel quale l’asse centrale sta reggendo solo per i motivi che abbiamo detto. Contrariamente ai grandi proclami di 30 anni fa, l’Ue ha fallito nella riduzione delle diseguaglianze. Anzi: le ha amplificate.

Europa e Unione europea: perché sono diverse?

Iniziamo a pensare che l’Ue non possa coincidere con l’Europa. Questa trasformazione sta riguardando molte delle potenze mondiali. Le potenze fanno molta fatica a ritrovare se stesse. Anche gli Usa non sono più quelli che abbiamo conosciuto. Anche la Russia deve riconoscersi in una autocrazia che si è genuflessa alla Cina. I cinesi sembrano essere gli unici che per il momento ritrovano se stessi. Nonostante i mille interrogativi sulla pandemia – con i morti per strada – loro sembrano di “stare nella loro pelle”. L’Europa, invece, non so se riuscirà a trovare se stessa, soprattutto nei panni dell’Ue.

E l’Italia? Qual è il suo rapporto con l’Unione europea?

Noi abbiamo due strade nei confronti dell’Unione. Una sarebbe quella di riuscire a portare sul tavolo, con grande capacità, gli interessi molto delicati nel Mediterraneo. È difficile far capire all’Europa del Nord che cos’è il Mediterraneo. L’altro cammino: avere un rapporto con l’Europa nel quale riusciamo a integrarci. Perderemo delle caratteristiche, ma l’integrazione non riguarderebbe più Maastricht bensì l’alleanza con gli Usa, l’integrazione sulle tecnologie e la concentrazione delle risorse. Draghi può essere una medicina amara dell’Europa, ma è anche italiana, americana e potrebbe in qualche modo fare qualcosa che fino a ora non siamo mai riusciti a fare. Draghi ha molti difetti ma non è un provinciale: conosce l’Italia, l’Europa, l’alleato americano e potrebbe triangolare. Bisogna vedere se Draghi riuscirà in questa missione o se si dedicherà soltanto a rimettere in ordine il debito e tranquillizzare l’Europa.

La Francia ha scelto Macron, il piccolo Napoleone, l’Italia invece Draghi. A chi paragonerebbe l’ex capo della Bce?

La scelta del piccolo Napoleone è una scelta da sempre francese. Ognuno cerca di ritrovare un periodo storico in cui i rispettivi Paesi erano al centro di un’epoca d’oro e di emularlo. Anche l’Italia è alla ricerca di qualcosa di simile. Abbiamo però un problema: il nostro Paese è diviso in Nord e Sud. Per tornare a dei grandi statisti, dobbiamo tornare a gente come Giolitti o De Gasperi. Entrambi hanno vissuto gli eventi delle due guerre mondiali, cioè emergenze forti. Mi piacerebbe che qualcuno assomigliasse a Giolitti. L’Italia non può affidarsi a scelte autocratiche, deve trovare uomini di una capacità importante e di un certo carisma, in grado di guidare la parte finanziaria del Paese. Questa figura deve avere presente l’interesse nazionale, la ricerca di alleanze – l’Europa è imprescindibile perché ci dà i soldi – i legami con i fondi anglo-sassoni, il tutto unito a un pragmatismo nel quale ci presentiamo preparati. Mentre la Francia può ricreare piccoli Napoleoni, la Germania ritrovare lo spirito prussiano e l’Inghilterra fare scelte sui generis in virtù della propria particolare democrazia, l’Italia non può far altro che affidarsi alla figura del commis. L’ultimo grand commis dell’Italia è stato Giolitti. Draghi ha molte caratteristiche che lo accomunano ai grand commis del passato: conosce il mondo amministrativo, i bilanci dell’Ue, dello Stato e via dicendo. La scelta, insomma, rientra nella storia e nella tradizione del nostro Paese. Non basta richiamarsi a una democrazia millenaria, fare i piccoli Napoleoni, rifarsi all’animo prussiano e via dicendo. Quando gli italiani pensano al Paese ordinato che funziona, la Cina, fanno inoltre un errore gravissimo.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.