Politica /

Emmanuel Macron chiama Vladimir Putin. È il presidente francese l’unico attore del blocco occidentale ad avere sentito il presidente russo dopo i primi colloqui in Bielorussia. Su iniziativa francese, ribadiscono da Mosca. Ed è lui ad aver sentito il presidente ucraino Volodymyr Zelesnky per capire i margini delle trattative dopo che il capo del Cremlino ha svelato al leader francese le sue condizioni per la fine della guerra.

Una scelta che incuriosisce ma che non deve sorprendere. Mosca e Parigi non hanno rapporti idilliaci, ma sembrano aver costruito una sorta di canale diplomatico di un certo livello pur offuscato, negli ultimi giorni, dal fallimento del viaggio di Macron nella capitale russa. In quell’occasione il presidente francese non era riuscito a strappare alcun tipo di garanzia da parte del leader russo. E dopo alcuni giorni, era stato il cancellerie tedesco Olaf Scholz a provare a far cambiare idea a Putin facendo credere a uno spiraglio di pace che poi non si è più aperto.

Macron ora ci riprova. E in questo non è da sottovalutare il placet di Putin, dettato probabilmente da diversi elementi e che si presta a molteplici chiavi di lettura.

Il presidente francese è sempre stato un interlocutore apprezzato dall’omologo russo, che ha visto in lui il leader che per primo ha perorato la causa dell’autonomia europea, ma anche una potenza nucleare. Due elementi che vanno tenuti in stretta correlazione. Dal punto di vista politico, lo “zar” probabilmente vede nel “president” una figura meno ancorata alle logiche atlantiste e meno aderente al sentimento più intransigente di Nato e Stati Uniti. Le vecchie critiche all’Alleanza Atlantica e il desiderio di un’Europa in qualche modo meno legata agli Usa hanno evidentemente attirato il rispetto e forse anche le attenzioni di un presidente russo in cerca di sponde. Che adesso sono quanto mai necessarie per evitare il completo isolamento. La presidenza di turno francese dell’Unione Europea può essere in questo caso una coincidenza ancora più favorevole, per quanto non necessariamente fondamentale. In questo senso, Macron può chiamare Putin con un ruolo diverso: non da protagonista ma almeno come primus inter pares del consesso europeo.

A questi elementi, si deve aggiungere il tema nucleare. Putin, con quel discorso sulla deterrenza, ha riportato l’idea stessa dell’arma atomica come punto fondamentale della politica mondiale. La Francia è una potenza nucleare con un arsenale autonomo, cosa che rafforza l’immagine di potenza di livello superiore rispetto alle altre europee. E se a questo si aggiunge il fatto non secondario della presenza francese nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e nel cosiddetto “Formato Normandia”, il sistema che prevede(va) l’applicazione degli Accordi di Minsk sull’Ucraina, si comprende l’utilità di avere un interlocutore che parla sia a nome europeo che a nome di un Paese pur di rango diverso rispetto a quello che si percepisce la Russia. Stato che comunque con la Francia ha storicamente rapporti molto particolari.

Questi elementi possono apparire formali. Ma in questa complessa partita che si gioca violentemente in Ucraina e a livello diplomatico nel resto del mondo, anche i simboli hanno un significato. Macron è uno dei pochi rappresentanti europei ad avere assunto in questa fase una postura dura ma non completamente di chiusura. Rispetto alla reazione durissima del premier britannico Boris Johnson, che ha da tempo affondato il colpo nei confronti della Federazione Russa, il capo dello Stato francese ha saputo evitare la retorica più intransigente pur non lasciando mai intendere ambiguità verso Mosca. Una scelta sicuramente apprezzata dal Cremlino che, d’altro canto, si è visto voltare le spalle proprio dal suo principale partner europeo: la Germania.

Possono aver pesato, inoltre, anche i continui rapporti strategici tra le due nazioni, che vedono Francia e Russia coinvolte in molteplici scenari internazionali. In Medio Oriente, dalla Siria al nodo Iran, in Nord Africa, in particolare con la Libia e i rapporti con altre forze, in Africa centrale e in Sahel, e per finire in Europa, i due Paesi si trovano molto spesso su posizioni opposte, ma comunque hanno già instaurato canali di dialogo e di confronto. Cosa che potrebbe aiutare una trattativa su cui Putin ha già posto le sue condizioni: la Crimea russa, l’Ucraina smilitarizzata e “denazificata”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.