Una malattia rara, molto simile alla poliomielite, si sta diffondendo negli Stati Uniti dove ha colpito i decine di bambini. Come riporta la Cbs, il centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha confermato l’esistenza di 62 casi nel 2018 di mielite flaccida acuta, nota anche come Afm. Più del 90% dei casi riscontrati riguarda bambini, con un età media di soli 4 anni e diffusi in ben 22 stati americani. Il numero però potrebbe presto crescere perché gli esperti stanno analizzando altre 62 situazioni dubbie. 

A differenza della polio, debellata negli Stati Uniti grazie al vaccino, la mielite flaccida acuta è una malattia ancora avvolta nel mistero che porta alla paralisi dopo la comparsa di sintomi come febbre, difficoltà respiratorie e debolezza muscolare. Gli esperti sostengono che può portare anche alla morte, anche se ad oggi non sono stati riscontrati decessi.

“Febbre e improvvisa debolezza muscolare”

“Sappiamo che tutto questo può essere spaventoso per i genitori”, ha spiegato la dottoressa Nancy Messonnier del centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc) in conferenza stampa. “Chiediamo ai genitori di richiedere assistenza medica se il loro bambino si sente improvvisamente debole, soprattutto nei muscoli delle braccia e delle gambe. Questa è veramente una malattia misteriosa”, ha confermato Messonnier alla Cbs News. “In realtà non sappiamo cosa stia causando questo aumento di casi: per alcuni abbiamo identificato un patogeno ma non abbiamo una diagnosi chiara per tutti”.

Al momento, il Cdc non è in grado di stabilire quali sono i soggetti più ad alto rischio di sviluppare l’Afm né tantomeno di accertare le conseguenze a lungo termine della malattia. Alcuni pazienti guariscono completamente, mentre altri continuano a lottare con la debolezza muscolare per tutta la vita. Non c’è nemmeno una cura precisa, se non una riabilitazione fisica generica. La causa scatenante della malattia può essere ricercata in alcuni virus, come gli enterovirus e il virus del Nilo occidentale, la cui principale modalità di trasmissione è rappresentata da alcuni tipi di zanzare.

Più di 300 casi dal 2014

Il numero dei casi è aumentato in maniera significativa a partire dal qualche anno: dal 2014 ad oggi, infatti, i casi acclarati di mielite flaccida acuta negli Stati Uniti sono 386, di cui 62 solo quest’anno. L’ultimo noto alle cronache, come riporta il Miami Herald, riguarda una bambina di appena 3 anni ricoverata ieri al Wolfson Children’s Hospital di Jacksonsville.

Come spiega l’Osservatorio Malattie Rare, la ricerca di un trattamento efficace per l’Afm è ancora in alto mare. Secondo alcuni medici, l’impiego di immunoglobuline per via endovenosa (IVIg) potrebbe dare qualche beneficio, come nel caso di specifiche malattie virali che colpiscono il sistema nervoso, mentre altri consigliano l’uso di fluoxetina. Il bisogno di una cura valida è ancora più evidente se si considera che la mielite flaccida acuta è una condizione rara ma piuttosto grave: bassissima la percentuale dei pazienti che riesce a recuperare completamente la funzione di gambe e braccia. Banalmente, secondo il Cdc, il modo migliore per evitare il contagio e il diffondersi della malattia è quello di lavarsi spesso le mani.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.