He’s back. Barack Obama è tornato in pista. E questa volta non solo per promuovere una biografia o un nuovo libro con il rocker e amico Bruce Springsteen, ma per un compito ben più arduo e complesso: correre in soccorso del suo ex vicepresidente Joe Biden e dell’establishment del Partito democratico Usa. Nei giorni scorsi l’ex presidente si è infatti recato in Virginia per sostenere la candidatura a governatore del democratico Terry McAuliffe contro il repubblicano Glenn Youngkin, in vista delle elezioni del 2 novembre: un test cruciale per Biden, in un momento non certo facilissimo per la sua presidenza dopo il disastroso abbandono dell’Afghanistan e l’affacciarsi di una quinta ondata di Covid-19 che sembra essere più di una probabilità. Ma ciò che davvero conta è che ora Obama è uno dei grandi protagonisti dell’UN Climate Change Conference che si sta tenendo a Glasgow, in Scozia: una vetrina internazionale per ridare smalto e autorevolezza all’America su una tematica popolare come quella dei cambiamenti climatici, soprattutto fra i più giovani.

Obama si prende la scena alla conferenza sul clima

Come riporta la Cnn, per un ex presidente si tratta di un’apparizione “estremamente insolita”, ma le persone vicine a Obama sostengono che l’ex inquilino della Casa Bianca vuole aiutare Biden a riconquistare la fiducia mondiale nella leadership americana sul tema dei cambiamenti climatici, e non solo. Secondo l’ex collaboratore di Hillary Clinton, John Podesta. Barack Obama, a differenza di Biden, ha “un seguito globale” e “i giovani lo vedono come fonte d’ispirazione”. Sempre secondo la Cnn, la presenza di Obama alla COP26 è stata suggerita dagli attivisti per il clima e dai seguaci di Greta Thunberg ma è diventata realtà a seguito di una conversazione intercorsa fra Biden e John Kerry, inviato presidenziale speciale del Presidente Usa per il clima; tant’è che qualcuno ipotizza persino che l’ex presidente possa addirittura prendere il posto di Kerry. L’ex presidente trascorrerà gran parte del suo tempo con i giovani: in collaborazione con la sua stessa fondazione e con la Climate School della Columbia University, ospiterà una tavola rotonda con gli attivisti (tra cui molti ex alunni dei suoi programmi di borse di studio globali) e solleciterà i leader aziendali ad accelerare i propri investimenti in energia pulita.

Sondaggi da incubo per Joe Biden (e per Kamala)

Il motivo per il quale Joe Biden ha chiesto l’aiuto di Obama è evidente: la sua amministrazione non riesce a conquistare il cuore degli americani. Un sondaggio della Nbc News  rileva che il 54% degli americani disapprova la performance di Biden; il 71% degli intervistati, fra cui il 70% degli indipendenti e persino il 48% dei democratici, ritiene che “la nazione sia diretta nella direzione sbagliata”. Come nota Axios, c’è poi un dato che preoccupa particolarmente la Casa Bianca: solo il 18% degli intervistati approva fortemente Biden, mentre quasi la metà (46%) lo disapprova fortemente. Gallup afferma che il tasso di approvazione del 42% di Biden nello stesso periodo del mandato è così basso che non si vedeva dai tempi di Eisenhower (1953), mentre secondo RealClearPolitics il tasso di disapprovazione è del 52% (in quella di FiveThirtyEight è al 51%) . E secondo Politico, Joe Biden è “impopolare quanto Donald Trump”.

Una performance alquanto deludente per un presidente eletto con il record assoluto di 80 milioni di voti. E la popolarità della sua vice, Kamala Harris? In caduta libera, come abbiamo già avuto modo di analizzare nelle scorse settimane. E i sondaggi degli ultimi giorni confermano questa tendenza: secondo la media di RealClearPolitics siamo al 42% degli americani che approva il suo operato e al 51% di chi invece non lo approva. Con questi numeri è chiaro che Joe Biden non può fare altro che pescare fuori e rivolgersi a una figura carismatica come Obama per recuperare un po’ di consensi fra i dem in vista delle elezioni di midterm del prossimo anno. Sarebbe assai pericoloso far sedimentare il clima di sfiducia che ora aleggia anche fra i suoi sostenitori.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.