La Mongolia ricopre un ruolo sempre più importante nelle relazioni internazionali dell’Asia orientale ma, soprattutto, si sta confermando come un teatro di prova per il partenariato russo-cinese in cui la collaborazione per il raggiungimento di benefici reciproci ha evitato che prevalessero potenziali rivalità antagonistiche per l’egemonia su un Paese è stato storicamente uno dei punti di connessione e attrito fondamentali fra Mosca e Pechino.

La realizzazione del corridoio economico Russia-Mongolia-Cina, inquadrato nel più ampio contesto della Belt and Road Initiative, rappresenta probabilmente l’esempio più emblematico delle vette raggiungibili da questo asse nascente.

Il ritorno della Via del Té

Il corridoio tri-nazionale è stato annunciato a Tashkent, la capitale dell’Uzbekistan, nel giugno 2016. L’obiettivo è di migliorare sensibilmente la rete dei trasporti su terra nelle aree russe e cinesi adiacenti la Mongolia e, ovviamente, all’interno del Paese stesso, per ridurre i tempi di spedizione delle merci e facilitare le comunicazioni e i movimenti di persone da un punto all’altro.

Fino ad oggi, i tre Paesi hanno raggiunto accordi per lo sviluppo di 32 progetti di natura infrastrutturale, il cui stato viene monitorato e valutato da un comitato di supervisione che si riunisce periodicamente. La Mongolia ha anche ottenuto di essere inclusa nella sfera d’integrazione energetica recentemente costruita da Russia e Cina, di cui il gasdotto Potere della Siberia è il punto di partenza, siglando un memorandum che pone le basi per il passaggio, e la condivisione, del gas russo con direzione Pechino attraverso Ulan Bator.

Le tre parti ripongono grandi aspettative sul corridoio, che è già stato ribattezzato “la Via del Té del nuovo millennio“, dalla cui realizzazione non dipende soltanto il successo della Nuova Via della Seta ma anche il futuro dei rapporti economici russo-mongolo-cinesi e dello sviluppo infrastrutturale dell’Estremo oriente russo, delle steppe mongole e della Cina settentrionale.

I lavori sono a pieno ritmo soprattutto per quanto riguarda il potenziamento delle connessioni autostradali. A inizio 2017 è stato siglato un accordo intergovernativo per ridurre le barriere di transito e migliorare la qualità della pavimentazione, così da smaltire e velocizzare il traffico dei mezzi pesanti, e i primi test pilota sono stati effettuati con successo. Il corridoio punta principalmente allo sviluppo delle tratte Novosibirsk-Honqiraf e Ulan Ude-Tientsin. Quest’ultima, lunga 2.200 chilometri, permetterà alla Mongolia di avere anche l’ambito sbocco sul mare.

L’obiettivo russo

La Mongolia è tornata ad essere uno dei luoghi-chiave dell’agenda russa per l’Estremo oriente nel corso dell’era Putin, anche se gli sforzi per riportare la collaborazione ai fasti di sovietica memoria sono stati intensificati solo negli anni recenti. Fra settembre e dicembre di quest’anno hanno avuto luogo due incontri di alto livello fra le autorità russe e mongole, fra cui una bilaterale fra i presidenti, durante i quali si è discusso della Nuova Via del Té e del possibile accesso del paese all’Unione economica eurasiatica, ed è stato rinnovato il trattato di amicizia e partenariato strategico, definito di “durata perpetua”.

Convincendo la Mongolia ad accettare gli investimenti cinesi nelle infrastrutture e nello sviluppo agroindustriale, controbilanciati dalla presenza russa nella sfera militare e della sicurezza, Mosca sta conseguendo degli obiettivi altrimenti difficilmente raggiungibili da sola: avvicinare le due economie per evitare che il paese venga attratto nell’orbita occidentale attraverso promesse di investimenti e rassicurazioni in chiave anticinese.

In Mongolia si sta replicando ciò che è già accaduto nell’Asia centrale ex sovietica: Mosca mantiene il primato diplomatico-militare, Pechino si occupa delle questioni economiche. In questo modo, i due paesi stanno costruendo, al di là di ogni previsione, una sfera di coesistenza non egemonica e di co-prosperità condivisa con ogni attore coinvolto, esercitando un controllo sulle aree strategiche del continente mirante a contenere l’influenza occidentale, combattere il terrorismo islamista e migliorare i rapporti fra le principali potenze regionali, provando a ridurre le divisioni e le rivalità che stanno rallentando ed impedendo la transizione ad un nuovo ordine mondiale asio-centrico.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.