Gli Stati Uniti  rimuoveranno diversi sistemi di difesa missilistica dal Medio Oriente per impegnarli su fronti più “caldi” in virtù di un “riallineamento di forze e capacità, che rivolge la sua attenzione alle minacce provenienti dalla Cina e dalla Russia”, come ha dichiarato il segretario della Difesa James Mattis.

A riferirlo è stato il Wall Street Journalche cita diverse fonti di alto livello della Difesa. Quattro batterie missilistiche del sistema Patriot per la difesa aerea verranno ritirare dal Medio Oriente: due batterie dal Kuwait , una dal Bahrain e una dalla Giordania. Verranno riportate negli Stati Uniti, aggiornate e rischierate in zone che il Pentagono reputa più “calde”: rivolte su potenziali avversari come la Russia, la Cina e l’Iran. Le batterie ritirate verranno rimpiazzate con altri sistemi d’arma in grado di garantire l’impegno che gli Usa intendono mantenere con gli alleati nella regione mediorientale. “Il comando centrale è fortemente impegnato a collaborare con i nostri alleati e partner per promuovere e fornire sicurezza e stabilità regionale”, ha detto il portavoce del Comando Centrale degli Stati Uniti. 

Le batterie Patriotsono sistemi mobili di difesa aerea e missilistica progettati per la proteggere obiettivi focali – quali basi militari o siti sensibili – innalzando una griglia di difesa che copre un’area relativamente piccola. La versione più recente del Patriot, il PAC-3 (Patriot Advanced Capability-3 Missile Segment Enhancement), è un intercettore hit-to-kill che elimina i bersagli attraverso una collisione cinetica, mentre le varianti precedenti facevano affidamento su testate a frammentazione esplosiva – che diffondevano una ‘rosa’ di shrapnel come la cartuccia di un fucile a pompa.

I missili PAC-2 e PAC-3 vengono spesso impiegati per intercettare i missili balistici a corto raggio: sono ad esempio impiegati dall’Arabia Saudita per intercettare e distruggere i missili lanciati dai ribelli Houthi sostenuti dall’Iran in Yemen; o dallo Stato d’Israele, che difende la “Linea Bravo” lungo il Golan da Hezollah e ha risposto con successo alle incursioni di droni e di cacciabombardieri: come nel caso del cacciabombardiere Sukhoi Su-24 dell’aviazione siriana abbattuto nel 2014.

Attualmente gli Stati Uniti hanno fornito il sistema Patriot nelle sue differenti versioni a 14 Paesi secondo il Progetto di difesa missilistica del Centro per le strategie e gli studi internazionali, tra i quali Taiwan e Polonia (16 lanciatori, 4 radar, più relativo supporto da consegnarsi entro la fine del 2022). Non a caso entrambe vicine di casa dei potenziali avversari sui quali si concentra il “riallineamento”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.