Il vento dell’Est continua a soffiare sull’Unione europea. Dopo la vittoria austriaca di Kurz, adesso è la volta della Repubblica Ceca, che vede la vittoria del partito populista “Ano 2011” di Andrej Babis, l’ex ministro delle Finanze che da molti è ormai considerato il “Trump” di Praga.
A scrutinio concluso, il partito di Babis sembra aver raggiunto il primo posto con il 29,7% dei voti. Non un trionfo, in termini di maggioranza popolare, ma tanto basta per garantirgli il primo posto in un’elezione che ha il sapore della vittoria dei partiti anti-establishment ed euroscettici rispetto a quelli tradizionali. Il Partito Civico Democratico (Ods), di idee più conservatrici ed euroscettiche, è arrivato secondo con l’11,2 %, mentre al terzo e quarto posto ci sono, a dividerli pochissimi voti di stacco, il partito anti-casta dei Pirati e quello di destra più radicale Libertà e Democrazia diretta (Spd) che si aggirano intorno al 10,7% dei consensi. Da registrare il crollo vertiginoso del partito socialdemocratico, che perde circa 12 punti percentuali, ottenendo solo il 7 per cento dei consensi.

Il risultato delle elezioni ceche è in linea con quanto sta avvenendo in tutta l’Europa orientale (e non solo). I movimenti che rappresentano la protesta contro i partiti figli della classe dirigente che ha governato i rispettivi Paesi, prendono consensi inimmaginabili fino a pochi anni fa, riuscendo a incanalare il sentimento comune dell’elettorato contrario alla politica tradizionale. La vittoria di Babis in Repubblica Ceca è perfettamente in linea con questa tendenza. Il leader di Ano è riuscito negli anni a proclamarsi vicino ad Obama, poi ad Orban, poi a Trump, e, nonostante questa ondivaga linea politica, è riuscito a costruirsi un’immagine di novità rispetto all’establishment. Ed era proprio quello che l’elettorato ceco si aspettava. Grazia a un impero mediatico e finanziario che lo porta ad essere il secondo uomo più ricco del Paese, Babis è riuscito a creare un movimento che in pochissimi anni ha raggiunto il maggioranza relativa del popolo ceco e oggi si ritrova a dover guidare il futuro governo. Un governo che, stando a quanto sostenuto da Babis in campagna elettorale, sarà certamente improntato a una rottura degli scemi tradizionali della politica ceca oltre che a un rigido scontro con i burocrati dell’Unione europea, in particolare sul tema dei migranti su cui il leader di Ano è stato chiarissimo.

Questa lotta senza quartiere alla politica migratoria imposta da Bruxelles e soprattutto alla politica delle quote di migranti è stata il centro della battaglia politica di Babis. Una battaglia con cui il leader ceco ha trascinato dietro a se tutti gli altri partiti, tanto che gli stessi socialdemocratici del presidente uscente si sono detti contrari alla distribuzione dei migranti. E sotto questo profilo, è chiaro che il cambiamento politico avvenuto oggi a Praga assesta un altro duro colpo alle scelte centrali di Bruxelles e colloca sempre di più la Repubblica Ceca al centro di quel fenomeno culturale e politico che sta da tempo caratterizzando il gruppo Visegrad. L’euroscetticismo è ormai diventato un cardine della politica del gruppo composta da Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia. E sono in molti a ritenere che la vittoria di Kurz in Austria sia il preludio a un ingresso di Vienna non tanto nel gruppo Visegrad quanto nell’orbita dei Paesi euroscettici. E il fatto che il fenomeno migratorio abbia fatto così presa sul popolo ceco, è interessante soprattutto se relazionato con l’esiguo numero di immigrati rispetto alla popolazione, che non raggiungono lo 0.23% su 10 milioni di abitanti.

Quello che è evidente, dunque, è che anche in un Paese sostanzialmente poco colpito dal fenomeno migratorio, come appunto lo è la Repubblica Ceca, c’è il timore che le politiche europee possano incidere sulla sicurezza collettiva. Questo dato è interessante per comprendere anche il futuro della stessa Unione europea, dal momento che con la vittoria di Babis a Praga, i governi che fanno riferimento alla socialdemocrazia e al centrosinistra in tutta l’Unione europea sono rimasti cinque, di cui uno il nostro. Solo cinque su 27 Stati. Mentre è evidente la crescita esponenziale dei fenomeni euroscettici e “populisti” in ogni Stato, sia a destra che a sinistra, come conseguenza dell’incapacità dell’Europa di far comprendere le proprie politiche. Gli Stati membri sembra che stiano dicendo all’Unione di cambiare, e l’Europa orientale guida questa rivolta che sta soffiando su tutto il continente.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.