Si parla poco, anzi, pochissimo dei cristiani in Medio Oriente. “Non fa notizia”, come spiega chi ha deciso di restare nei campi profughi di Erbil. Le condizioni dei cristiani in Iraq sono peggiorate con la guerra del 2003. Prima, tutto sommato, riuscivano a convivere con i musulmani, sciiti o sunniti che fossero. Il ministro degli Esteri di Saddam Hussein, Tareq Aziz, era cristiano e, come braccio destro del Raìs, riusciva a tutelare i fedeli di Cristo. L’Iraq post guerra ha cancellato tutto questo, come ha ricordato ieri sera all’evento “Help christians” Rebwar Basa, sacerdote di Mosul: “La costituzione del 2005, voluta anche dagli Stati Uniti, non è così diversa da quella dello Stato islamico. Una legge promulgata proprio lo scorso 22 ottobre vieta agli iracheni di avere alcool e perfino di venderlo. Chi lo fa deve pagare una multa di almeno dieci milioni di dinari iracheni”.La situazione in Siria è precipitata nel 2011, in seguito alle “false primavere arabe”, come le ha definite monsignor Mtanios Haddad all’evento “Help christians”. Prima era impossibile che qualcuno chiedesse: “A che religione appartieni?”. Come mi spiegò padre Hamazasp Kechichian, armeno e originario di Kessab, in Siria. All’epoca si era tutti siriani e, solo dopo, cristiani, sunniti, sciiti e alawiti. Una forma di convivenza spazzata via dalla rivoluzione che voleva imporre “una democrazia falsa secondo gli interessi occidentali, ovvero gli interessi dell’America”, come ha spiegato monsignor Haddad.banner_cristianiGià perché i cristiani di Siria e in Iraq si sentono innanzitutto siriani ed iracheni. Chiamano eroe della patria chi combatte e muore al fronte per difendere il proprio Paese. Per questo non hanno senso le obiezioni di chi, in questi anni, ha accusato i cristiani di favorire un dittatore o di aiutare altri Stati. E chiamano martire chi muore per difendere la propria fede. Lo ripete con forza don Rebwar mentre fa scorrere le immagini dei suoi amici torturati dai jihadisti. Siano essi dell’Isis o di Al Qaeda.Perché cristiani, nel corso di questi ultimi anni, hanno difeso solamente uno Stato che garantiva non solo la loro libertà, ma anche quella delle altre “minoranze”. In molti casi hanno avuto una visione più ampia rispetto a chi, sedendo comodamente a Washington o a Parigi, voleva bombardare uno Stato piuttosto che l’altro. Voci nel silenzio.I Paesi in cui i cristiani sono perseguitati sono molti, non solo in Siria. Vogliamo andare laddove i cristiani sono oggetto di violenza solo per la loro fede. E per farlo abbiamo bisogno di TE.SOSTIENI IL REPORTAGE QUI

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.