Il giornale tedesco Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung ha rivelato uno studio secondo il quale su oltre 280mila immigrati partecipanti ad un “corso di integrazione” promosso nel 2017 in Germania, il 52% dei partecipanti non ha superato i requisiti minimi di conoscenza della lingua, cultura e valori tedeschi.

Secondo i responsabili del corso tra le ragioni del fallimento vi è la scarsa frequentazione dei migranti alle lezioni, l’assenza di una “cultura di apprendimento” poiché molti di loro non hanno mai frequentato alcuna scuola e il fatto che molti dei migranti che si erano iscritti a queste lezioni si sono spostati in altre città diverse da quelle dove venivano tenuti gli insegnamenti.

Un ulteriore fallimento di questo corso è dovuto anche dell’esiguo numero degli iscritti. Per un obiettivo fissato a 430mila partecipanti, solo meno della metà si sono effettivamente presentati e, come visto, con scarsi risultati.

Nonostante questi dati deludenti e la presa di posizione molto forte di numerosi esponenti politici conservatori tra cui il nuovo presidente della Baviera (Csu) che proponeva classi intensive di tedesco per i figli degli immigrati per poterli insegnare non solo la lingua ma educarli anche ai valori cristiani ed occidentali su cui si basa la cultura bavarese e della Germania intera, l’agenzia federale per i rifugiati denuncia l’assenza di classi di islam nelle scuole tedesche.

“Ci sono solo 54mila studenti in Germania che ricevono lezioni scolastiche su cos’è l’islam ma potenzialmente potrebbero essere più di 540mila i ragazzi musulmani interessati”, afferma uno studio Mediendienst Integration in collaborazione con l’Agenzia per i rifugiati, come riporta il Deutsche Welle.

Il numero degli studenti musulmani ora in Germania è in forte incremento, come ricorda, sempre dalle colonne del Deutsche Welle, Rauf Ceylan, professoressa di studi contemporanei islamici all’Università di Osnabrück. “Con il forte flusso migratorio ora i giovani mussulmani hanno superato le 800mila unità”, segnala la professoressa.

L’insegnamento dell’islam nelle scuole tedesche sarà una tematica che farà discutere. Chi saranno gli insegnanti? Che visione dell’Islam insegneranno? Le criticità e gli estremismi della religione di Maometto verranno discussi liberamente in classe?

Sicuramente potrà essere un’iniziativa utile anche per i giovani tedeschi per comprendere le differenze tra diverse religioni e culture ma tale iniziativa dovrà andare di pari passo con una riforma del sistema scolastico teutonico che ha accantonato totalmente l’insegnamento del cristianesimo e delle tradizioni tedesche e valori occidentali.

Non solo con l’insegnamento dell’islam a scuola ma riscoprendo l’identità occidentale, cristiana e tedesca anche insegnandola agli immigrati si potrà cercare di facilitare un’integrazione tra diverse culture e religione altrimenti il fallimento del processo di integrazione sarà inevitabile.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.