Fuggiti dalle persecuzioni in Medio Oriente, non trovano pace nemmeno in quell’Europa che dovrebbe accoglierli e proteggerli. L’odissea dei cristiani perseguitati sembra non avere fine neppure una volta arrivati nel Vecchio Continente, la patria d’elezione che moltissimi, per sfuggire ai tagliagole che li vogliono morti, scelgono dopo aver abbandonato Afghanistan, Siria e Iraq.Secondo un rapporto stilato da diverse associazioni impegnate in favore dei diritti umani, in Germania sarebbero addirittura quarantamila i profughi cristiani sottoposti a vessazioni quotidiane all’interno dei centri di accoglienza e di identificazione. Con loro, seppure in numero minore, anche altri richiedenti asilo di fede non musulmana.Dalle interviste di almeno 231 migranti cristiani è emerso infatti che quasi il novanta per cento del campione ha denunciato di essere stato discriminato a causa della propria fede, racconta la ong impegnata nel supporto ai cristiani Open Doors Germany.Insulti, percosse e addirittura minacce di morte le vessazioni più diffuse, che in alcuni casi provengono anche dalle guardie, spesso di fede musulmana, dei campi.Secondo l’emittente pubblica Deutsche Welle, che cita il capo di Open Doors per la Germania, Markus Rode, questi dati rappresentano “solo la punta dell’iceberg”. I dati di Action for Persecuted Christians, riporta la stampa tedesca, parlano di almeno quarantamila persone esposte a questo tipo di vessazioni.Tra gli episodi riportati, le minacce dopo che alcuni profughi cristiani si sono rifiutati di prendere parte a preghiere collettive imposte dai musulmani. Secondo Paulus Kurt del Centro tedesco per i Cristiani d’Oriente vi sono addirittura famiglie cristiane che hanno deciso di tornare al Paese d’origine proprio per queste minacce continue, mentre Karl Hafen dell’International Society for Human Rights riferisce che i cristiani scappati dallo Stato Islamico a Raqqa in alcuni casi hanno ritrovato i propri persecutori siriani all’interno dei campi profughi.Il pastore protestante berlinese Gottfried Martens, intervistato a dicembre da Gli Occhi della Guerra, ha protestato perché queste vicende troppo spesso vengono liquidate come casi singoli, quando ci troviamo di fronte ad una persecuzione sistematica.Le associazioni umanitarie per i cristiani perseguitati si stanno preparando a chiedere alle autorità federali tedesche uno speciale sistema d’accoglienza per i profughi non musulmani, che tenga conto di questa situazione che, purtroppo, non accenna a migliorare.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.