Società /

Al peggio non vi è limite. Potrebbe essere questo il motto fondante di Siria e Libano, due Paesi splendidi ma devastati dai conflitti e dalla corruzione e stritolati dalla miseria più nera, più cupa. Dopo anni terribili — la guerra civile in Siria e la liquefazione dell’apparato statale in Libano — ora arriva il colera. Damasco ha registrato in sei settimane 13mila casi sospetti con 60 morti accertati mentre Beirut dichiara 170 ricoveri e cinque decessi. Numeri ancora ridotti ma nessuno si fa illusioni, questo è solo l’inizio.

In Siria l’epidemia si è sviluppata nelle devastate zone rurali del Nord Est e nella regione d’Aleppo ed è causata dall’inquinamento delle acque. Dopo undici anni di feroci combattimenti la rete idrica che prima assicurava il rifornimento al 95 per cento della popolazione è in gran parte distrutta o danneggiata e meno della metà dei siriani ha oggi la disponibilità d’acqua potabile. Gli altri, tutti gli altri, sono costretti ad abbeverarsi a piccoli pozzi artigianali, strutture primitive prive d’ogni controllo sanitario. Un disastro a cui si aggiungono due anni di siccità e il conseguente abbassamento dell’Eufrate, il grande fiume che assicurava l’irrigazione della regione. Vista l’assenza o quasi di interventi statali — il regime di Bashar al-Assad è praticamente sul lastrico e l’alleato russo ha attualmente altri problemi…. — sono arrivati i volontari di Medecins sans Frontieres (MSF) che hanno aperto a Raqqa un ospedale da campo, dove in pochi giorni sono stati accolti oltre 600 pazienti, di cui un terzo gravemente malati.

L’epidemia si è velocemente estesa anche al vicino Libano, aggiungendo un altro incubo ad una nazione in piena bancarotta, con più dell’80 per cento della popolazione in stato di estrema povertà e dove mancano persino i soldi per mantenere operative le stazioni di pompaggio e controllare gli acquedotti. Il primo focolaio è stato identificato nel distretto dell’Akkar confinante con la Siria e nella valle della Bekka. Qui da tempo l’acqua non arriva più e il rifornimento è garantito ad intermittenza da camion cisterna mentre anche il sistema fognario è tracollato con conseguenze facilmente intuibili.

A farne le spese in primis sono stati i campi dei rifugiati siriani — complessi praticamente invivibili e quasi privi di strutture sanitarie serie — ma ormai il contagio, come ammesso dal ministro della sanità libanese Firas Abiad, “si sta propagando anche tra le comunità di libanesi a causa del deterioramento delle condizioni igienico-sanitarie, e questo di fronte al del collasso delle istituzioni locali e centrali alla luce della peggiore crisi finanziaria della storia del paese”. A peggiorare ulteriormente la già compromessa situazione del Paese dei cedri vi è poi il massiccio esodo del personale medico verso l’Europa o i Paesi del Golfo. I pochi ospedali ancora funzionanti a Beirut e nell’entroterra lavorano — anche a causa delle continue interruzioni di corrente elettrica — a ritmi ridotti, con ranghi sguarniti e dove i medicinali, persino quelli più comuni, vengono meticolosamente razionati.

Una catastrofe umanitaria nel Levante martoriato è dunque prossima se la comunità internazionale non interviene rapidamente e in modo massiccio.  Ricordiamo che, come ripete MSF, il colera “è un’infezione diarroica intestinale causata dal batterio Vibrio cholerae. L’infezione provoca vomito e diarrea e può causare rapidamente una perdita di liquidi corporei tali da portare alla disidratazione e allo shock che, nei casi più gravi, possono essere fatali. La sua trasmissione avviene per contatto orale, diretto o indiretto, con alimenti e acqua contaminati da materiale fecale di soggetti infetti portatori del vibrione o convalescenti”. Si tratta, tuttavia, di una patologia semplice da trattare. Basta reintegrare i liquidi corporei e gli elettroliti persi tramite soluzioni orali o intravenose e la mortalità scende a meno dell’1 per cento. Come sempre è una questione di volontà politica.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.