Con il meccanismo di serrata messo in campo dall’Occidente – e non solo – per contrastare la diffusione della pandemia di coronavirus, la popolazione è stata messa nella condizione di affrontare una quotidianità differente e in molti casi fatta di rinunce e di ristrettezze. Mentre però per qualcuno si è “limitato” ad essere un confinamento domestico mentre è stata mantenuta la sua possibilità di lavorare – sia nella formula di lavoro agile sia recandosi sul posto di impiego – per altri si è tradotto nella perdita del lavoro o nella cassa integrazione a tempo indeterminato. In una situazione in cui non si ha accesso ad un ingente quantitativo di risparmi, ciò si è purtroppo tradotto con un peggioramento dello stile di vita e con il dover fare i conti non con la fine del mese, ma con la fine del confino: e in questa situazione di estrema indeterminazione ciò è diventato ancora più problematico. A patirne, ovviamente, sono state le classi già meno agiate, accrescendo le già precedenti disparità sociali con i ceti più abbienti.

L’alienazione e le condizioni di vita nelle periferie

È per via di questi motivi che l’isolamento e la serrata lavorativa hanno colpito particolarmente le periferie della città, dove lo stile di vita è peggiorato ulteriormente con l’introduzione delle restrizioni. Come messo in evidenza dal quotidiano francese Le Monde relativamente alla Francia, nelle banlieue si può percepire a colpo d’occhio il disagio in cui vive la popolazione. Spesso confinato in abitazioni sovraffollate e anguste, che non sono assolutamente il regno della pulizia, e privato delle proprie entrate, il popolo delle periferie si è trovato spiazzato dagli eventi.

Le conseguenze, esattamente come il disagio, sono percepibili anche ad un meno attento osservatore: alienazione dalla società e povertà aggregata incrementata a livelli forse senza precedenti. E in questa situazione, anche interventi statali diretti diventano quanto mai difficili a causa delle tempistiche sbagliate con cui si è agito, soprattutto negli anni passati; in una situazione che non interessa la sola Francia ma è valida per la totalità dell’Unione europea.

Le industrie non producono

La contrazione della propensione al consumo della parte più povera – ma numerosa – della popolazione è destinata però a causare non soltanto problemi alle famiglie: anche il commercio subirà un arresto dei consumi a causa delle minori possibilità di spesa. E in uno scenario dove la ripartenza è già soggetta all’incertezza degli stock invenduti ancora presenti sul mercato, la ripresa delle produzioni pare destinata a essere posticipata ulteriormente. Ma senza produzioni e senza lavoro anche le retribuzioni sono ferme, in un circolo vizioso che sembra quanto mai simile alla grande depressione del 1929 – e dura sentenza di sofferenze per molti anni ancora a venire.

Così però si rischiano tensioni sociali

L’aumento delle disuguaglianze sociali porta però anche alla conseguenza di un incremento delle tensioni tra la popolazione più agiata e quella che vive in condizioni meno favorevoli. Come in ogni situazione di crisi, infatti, i ceti più ricchi avranno più facilità di accumulo grazie alle proprie capacità di investimento, mentre a chi ha perso il lavoro – nella migliore delle ipotesi – spetta qualche spicciolo dal sistema di welfare nazionale. Come già sottolineato dal Fondo monetario internazionale, per congiurare questa possibilità è necessario che gli Stati adottino misure volte a limitare l’allargamento della forbice di ricchezza, almeno per il periodo in cui è necessario dare impulso ai consumi per permettere al mercato di ripartire, insieme all’offerta di lavoro. Altrimenti, in caso contrario, sarà solo questione di tempo prima che le cose possano iniziare a degenerare in una nuova stagione di rivolte sociali.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.