Nelle ultime settimane la psicosi da coronavirus è aumentata di pari passo con il numero dei contagiati. La fobia è una paura irrazionale e non esiste alcun ragionamento capace di disattivarla. Eppure i numeri parlano chiaro: in moltissimi casi i pazienti infettati dal Covid-19 guariscono senza bisogno di cure particolari.

A volte i dati sono utili ma è pur vero che è necessario saperli interpretare. Gli esperti, ad esempio, sottolineano un’importante distinzione da tenere presente: da una parte ci sono i “morti di coronavirus“, dall’altra “le morti legate al coronavirus”. Queste ultime sono la stragrande maggioranza, visto che il Covid-19 non sarebbe la causa principale di morte ma soltanto una concausa.

Ipotesi e statistiche

In questo momento sappiamo il numero esatto delle persone trovate positive al test. Non conosciamo tuttavia il numero di coloro che sono entrati in contatto con il virus e non hanno poi sviluppato problemi di alcun tipo. Sono i cosiddetti asintomatici, cioè quelli che non si sono minimamente accorti di aver contratto la malattia o che l’hanno avuta in una forma così lieve da superare il contagio con estrema agilità.

A detta degli esperti è fondamentale conoscere quanti soggetti sono entrati in contatto con il virus ma adesso non siamo in grado di farlo. I test si limitano a individuare la presenza del Covid-19 nelle persone in quel dato momento e non gli anticorpi sviluppati da chi ha superato la malattia senza sintomi (proprio gli anticorpi potrebbero dire con certezza se un soggetto è stato contagiato o meno).

Come sottolinea Il Sole 24, poi, secondo alcuni esperti in Italia avremmo già avuto quasi 400mila contatti con il Covid-19 e non i quasi 4mila fin qui certificati. Seguendo questo ragionamento in Cina ci sarebbero almeno 8 milioni di persone infette o infettate e non 80mila.

La virologa Ilaria Capua era stata chiarissima: in un’intervista rilasciata alla Stampa aveva detto che i veri numeri del contagio, non solo nel nostro Paese, potrebbero essere fino a cento volte superiori. Se così fosse, lo scenario cambierebbe completamente.

I numeri parlano

Prendendo per buona l’ipotesi dei “numeri reali cento volte superiori”, il tasso di letalità (il rapporto tra il numero dei decessi e il numeri dei casi, moltiplicato per 100) passerebbe di colpo dal 3,4% allo 0,034%. Sempre di colpo cambierebbe la percentuale dei soggetti che richiedono cure ospedaliere o ricoveri in terapie intensive.

Certo, in tal caso vorrebbe dire che la diffusione del virus sarebbe decisamente più rapida di quanto fin qui ipotizzato; in linea generale un po’ più veloce dell’influenza stagione che nei momenti di picco cresce a ritmo di centinaia di migliaia di nuovi casi settimanali.

Ci sarebbe da spaventarsi? Non proprio perché anche in questo caso i numeri parlano e possono dire cose interessanti. Qualora avessimo davvero già 400mila contagiati, in Italia vi sarebbero quasi altrettante persone, che in presenza del virus e grazie agli anticorpi, ne frenerebbero l’avanzata.

Un ultimo aspetto da ricordare è il seguente: i numeri che vengono sciorinati quotidianamente in televisione riguardano le persone entrate in contatto con il virus almeno una settimana fa. Il conteggio generale, invece, indica quante persone nelle ultime cinque o sei settimane sono entrate in contatto con il coronavirus. Per capire cosa sta succedendo oggi, quindi, dovremo attendere una settimana.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.